liberatv
TIPRESS
BancaStato
15.03.22 - 13:550

Il 2021 di Banca Stato si chiude con "ottimi risultati"

Il versamento al Cantone aumenta di 1,7 milioni di franchi. In netta crescita anche l'utile di Gruppo

BELLINZONA – Il 2021 rappresenta per il Gruppo BancaStato un anno contraddistinto da ottimi risultati finanziari. Il versamento al Cantone, di 43,3 milioni di franchi, aumenta di 1,7 milioni (+4,0% rispetto all’anno precedente e +3,6% rispetto al 2019). L’ottima evoluzione delle voci di ricavo (246,2 milioni, +7,7%) consente un’importante attribuzione alle riserve per rischi bancari generali e conduce a un utile di Gruppo in netta crescita a 55,2 milioni (+9,3%). Aumentano i crediti ipotecari (+8,0%) e gli impegni nei confronti della clientela (+13,7%). La cifra di bilancio sfiora i 17,95 miliardi. L’afflusso di nuovi patrimoni della clientela si riconferma molto elevato (+1,91 miliardi). Efficienza e redditività permangono su buoni livelli.

Utile di Gruppo e versamento al Cantone

Nel 2021, in condizioni di mercato ancora contraddistinte dal Coronavirus e dal perdurare di bassi tassi di interesse, il Gruppo BancaStato ottiene ottimi risultati grazie al suo modello di affari e alla sua posizione di mercato. L’eccellente evoluzione dei ricavi consente al Gruppo di destinare CHF 15,9 milioni per l’adeguamento del piano pensionistico del
Personale, con lo scopo di mitigare la costante decrescita del tasso di conversione degli averi di cassa pensione. Il risultato di esercizio si attesta a CHF 79,5 milioni (-8,4%), mentre al netto dell’adeguamento citato risulterebbe in crescita a
CHF 95,4 milioni (+10,0%).

Nonostante un’ulteriore importante attribuzione alle riserve per rischi bancari generali – effettuata con lo scopo di rafforzare il livello di fondi propri – l’utile del Gruppo aumenta sensibilmente a CHF 55,2 milioni (+9,3%). Rispetto all’utile netto del 2019 – dunque prima dell’emergenza Coronavirus – la crescita è del 4,3%. Anche il versamento alla Proprietà beneficia delle crescite operative, passando da CHF 41,7 milioni a CHF 43,3 milioni (+4,0%).

Evoluzione delle voci di conto economico

Il risultato netto da operazioni su interessi – principale voce di ricavo del Gruppo – sfiora i CHF 158,0 milioni, attestando una progressione di CHF 4,4 milioni (+2,9%). Il risultato da operazioni su commissione e da prestazioni di servizio segna una sostanziosa crescita di CHF 9,4 milioni, raggiungendo i CHF 63,7 milioni (+17,2%); l’aumento è principalmente da ricondurre alle aumentate quote di mandati di gestione patrimoniale e di fondi d’investimento del Gruppo, al generale positivo andamento borsistico e alla crescita delle commissioni creditizie per emissioni di garanzie e crediti documentari. Il risultato da attività di negoziazione passa da CHF 17,9 milioni a CHF 20,8 (+16,2%) e gli altri risultati ordinari migliorano di CHF 0,9 milioni, attestandosi a CHF 3,7 milioni, entrambi grazie anche alla positiva evoluzione delle borse.

Nel loro complesso, i ricavi netti segnano una forte crescita, passando da CHF 228,6 milioni a CHF
246,2 milioni (+7,7%). I costi di esercizio raggiungono i CHF 152,9 milioni; a fine 2020 erano a quota CHF 129,7
milioni (+17,9%). Tale crescita include in primo luogo il versamento una tantum di CHF 15,9 milioni alla cassa pensioni del personale, effettuato analogamente ad altre Banche Cantonali con lo scopo di mitigare il calo del tasso di conversione degli averi previdenziali; l’aumento deriva anche da maggiori costi legati all’infrastruttura informatica e al finanziamento al progetto “Vivi il tuo Ticino”, promosso su impulso del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) in collaborazione con l’Agenzia Turistica Ticinese.

Facendo astrazione dal versamento previdenziale straordinario i costi di esercizio risulterebbero in crescita del 5,6%. Le rettifiche di valore su partecipazioni e ammortamenti progrediscono da CHF 11,9 milioni a CHF 13,1 milioni (+10,2%); gli accantonamenti e altre rettifiche di valore passano da CHF 0,25 milioni a CHF 0,6 milioni (+158,1%). I ricavi straordinari e i costi straordinari si attestano rispettivamente a CHF 0,5 milioni e CHF 0,1 milioni, in netto arretramento rispetto al 2020 che contabilizzava la prima edizione della campagna “Vivi il tuo Ticino”.

Evoluzione delle voci di bilancio

Il Gruppo BancaStato offre prodotti e servizi di carattere universale; ciononostante l’attività principale permane tradizionalmente quella della concessione di crediti ipotecari. A fine 2021 tale voce di bilancio raggiunge la soglia dei CHF 11,1 miliardi, in progressione rispetto ai CHF 10,3 miliardi dell’anno precedente. L’aumento di CHF 822,5 milioni (+8,0%) è stato raggiunto sia tramite un’ininterrotta crescita organica sia grazie all’accordo con EFG, conclusosi ad aprile 2021,
grazie al quale sono confluiti in BancaStato circa CHF 411 milioni di crediti ipotecari. I crediti nei confronti di privati e aziende risultano in crescita di CHF 149,8 milioni (+10,0%) per attestarsi a CHF 1,6 miliardi. Tale voce include
anche i crediti COVID-19, i cui utilizzi ammontano a fine 2021 a CHF 132,6 milioni. I crediti nei confronti degli enti pubblici progrediscono a CHF 680,6 milioni (+1,4%).

Gli impegni nei confronti della clientela confermano  la crescita evidenziata negli anni precedenti. L’aumento di CHF 1,51 miliardi (+13,7%) consente a tale voce di bilancio di superare la soglia di CHF 12,5 miliardi, attestando nuovamente la fiducia riposta dalla clientela nei confronti della propria banca cantonale. Il totale di bilancio del Gruppo progredisce di CHF 1,5 miliardi (+8,9%) a CHF 17,95 miliardi.

Evoluzione dei patrimoni in gestione

Nel 2021 il volume dei patrimoni in gestione presso il Gruppo BancaStato (Assets under Management) è cresciuto di CHF 2,28 miliardi (+12,4%) a CHF 20,68 miliardi. L’afflusso di nuovi patrimoni della clientela (Net New Money) è stato invece pari a CHF 1,91 miliardi. Nonostante tali evoluzioni siano in parte da ricollegare ai volumi acquisiti tramite l’accordo con EFG, esse si inseriscono nel solco delle significative crescite degli ultimi cinque anni, le quali attestano solidamente la crescente attrattività del Gruppo BancaStato.

Redditività, efficienza e solidità
La redditività – in termini di Return on Equity (ROE) – si attesta al 6,0%. Al netto dei costi per i piani pensionistici, tale indicatore è del 7,2%. Gli indicatori di efficienza si mantengono a un buon livello. Il Cost / Income I (costi di esercizio rapportati ai ricavi netti) passa dal 56,7% nel 2020 al 62,1% del 2021; tuttavia, al netto dei costi per i piani pensionistici, l’evoluzione è positiva e raggiunge il 55,6%. Analogamente, il Cost / Income II (che include anche gli ammortamenti e gli accantonamenti) si attesta al 67,7% nel 2021, mentre nel 2020 era al 62,0%; non considerando i fattori non ricorrenti già citati, l’indicatore migliora e si attesta al 61,2%.

La solidità del Gruppo (Capital Adequacy), determinata in base al rapporto tra i fondi propri necessari e i fondi propri disponibili, calcolati secondo i canoni di Basilea III, si attesta al 31.12.2021 al 233,6% (209,0% a fine 2020), a fronte di un requisito regolamentare del 150% (valido per le banche di categoria di vigilanza 3). Tutti gli indicatori di solidità previsti dalla Banca dei Regolamenti Internazionali si riconfermano abbondantemente al di sopra delle soglie regolamentari: il Core Tier 1 (CET1) passa dal 16,7% di fine 2020 al 15,2% a fine 2021, il Tier 1 ratio passa dal 16,7% al 15,8%, mentre la capital adequacy sale dal 16,7% al 18,7%.

Il contributo del Gruppo BancaStato allo sviluppo economico del Cantone
Il Consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia (DFE), Christian Vitta, saluta favorevolmente il risultato raggiunto nel 2021 dal Gruppo BancaStato che ha visto incrementare anche il versamento alla Proprietà nonostante le difficoltà di questo ulteriore anno contraddistinto dalla pandemia. Christian Vitta rileva inoltre che il Gruppo, finanziando iniziative quali "Vivi il Tuo Ticino", “Ticino Ticket” e “Boldbrain Startup Challenge” ha dimostrato di contribuire in modo importante allo sviluppo economico cantonale, adempiendo al suo ruolo di mandato pubblico anche in questa fase delicata per l'economia del Cantone Ticino.


La Banca di riferimento in Ticino

“I risultati 2021 del Gruppo BancaStato sono importanti da diversi punti di vista. Il versamento nelle casse cantonali è innanzitutto in aumento e supera i 43,3 milioni di franchi. Siamo molto orgogliosi di destinare alla Proprietà una simile somma, che si rivelerà certamente preziosa per tutti i ticinesi. La soddisfazione deriva anche dal fatto che i risultati del 2021 si inseriscono in un contesto di crescita pluriennale e la consolidano ulteriormente” commenta Fabrizio Cieslakiewicz, Presidente della Direzione generale. “Ciò attesta la bontà del nostro modello di affari e dei vari progetti strategici portati a termine negli ultimi anni. L’Istituto dimostra che sa rispondere alle molteplici esigenze bancarie dei clienti e, sempre di più, testimonia di essere la Banca di riferimento in Ticino”.

“Sono ormai passati oltre dieci anni da quando Axion è entrata nel Gruppo BancaStato. Ciò ci ha rivestito di una missione che noi consideriamo speciale – ovvero quella di lavorare a favore del territorio ticinese – e il bilancio che tracciamo è ottimo. Come l’anno precedente, siamo rincuorati dall’ottimo aumento delle masse acquisite, pari a 370 milioni. Per noi è una rinnovata testimonianza della fiducia e della reputazione che Axion riscuote sul mercato” spiega l’’avv. Marco Tini, Presidente della Direzione generale dell’Istituto facente parte del Gruppo BancaStato.

Potrebbe interessarti anche
Tags
ticino
costi
cantone
stato
risultati
crediti
miliardi
gruppo
aumento
bilancio
TOP NEWS BancaStato
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile