liberatv
agenda
Filtra per

Regione Mendrisiotto Luganese Locarnese Bellinzonese
Categoria Altro Appuntamenti Cinema Arte Musica Manifestazioni Musei
DONAZIONE DI SANGUE
SCUOLA MEDIA, Riva San Vitale
17.30

Martedì 16 aprile 2024

DONAZIONE DI SANGUE

Il servizio trasfusionale CRS della Svizzera Italiana organizza un’azione di prelievo di sangue a:
RIVA SAN VITALE, Scuola media, Via Vela

dalle 17.30 alle 20.00

INDISPENSABILE L’APPUNTAMENTO TRAMITE PORTALE ONLINE SUL SITO www.donatori.ch OPPURE POTETE CHIAMARE IL NR. 091 960 26 06

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.donatori.ch

LuogoSCUOLA MEDIA
Indirizzo / ViaVia Vela, Riva San Vitale
EtàMaggiorenni
Sito webVai al sito
Open lecture about Dark Tourism
Aula 355 (Campus Ovest), Università della Svizzera italiana, Lugano
18.00

L'evento è aperto al pubblico e gratuito

L'evento si terrà in lingua inglese

Philip Stone, tra i maggiori esperti mondiali di Dark Tourism, apre al pubblico la sua prima lezione da visiting professor all'USI nel Master in International Tourism. 

L'evento è organizzato da USI Master in International Tourism e USI UNESCO Chair in Information and Communication Technologies per sviluppare e promuovere il turismo sostenibile nei siti del Patrimonio mondiale.

Il Dark Tourism è il fenomeno dei viaggi verso luoghi legati a tragedie, disastri naturali e più ampiamente alla morte. Auschwitz ne è un esempio, ma anche prigiorni e cimiteri. Negli ultimi anni il Dark Tourism ha attirato l’attenzione degli studiosi per diverse ragioni. In primo luogo cresce il numero dei praticanti, così come l’interesse dei media. Inoltre il Dark Tourism, nelle sue varie forme e sfumature, sfida la nostra abituale idea di turismo come attività piacevole, leggera (Leisure). Infine la sua gestione solleva continuamente delicate e complesse questioni etiche: per esempio è possibile essere turisti in un campo di concentramento?

LuogoAula 355 (Campus Ovest), Università della Svizzera italiana
Indirizzo / ViaLugano
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
La ripartizione dei ruoli in famiglia
La Filanda, Mendrisio
14.00

Nei Caffè narrativi si incontrano persone che prima non si conoscevano. In una piccola cerchia ci raccontiamo esperienze, eventi e pensieri riguardanti la nostra vita. Vuoi essere dei nostri?

Nell'ambito della mostra fotografica itinerante di Pro Familia "Famiglie - esplorando il passato, immaginando il futuro", questo caffè narrativo vuole raccogliere esperienze e racconti di vita sul tema della ripartizione dei ruoli all'interno delle famiglie. Com'era in passato e cosa è cambiato oggi?

Al termine piccola merenda offerta ai partecipanti.

Iscrizione richiesta scrivendo a info@caffenarrativi.ch.

LuogoLa Filanda
Indirizzo / ViaVia Industria 5, Mendrisio
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
LES MIENS Cinéclub Alliance française
Cinema Otello, Ascona
18.15

Alliance française Ciné-club

LES MIENS di Roschdy Zem

Sceneggiatura di Roschdy Zem e Maïwenn
Con Sami Bouajila, Roschdy Zem, Meriem Serbah                                                             

Moussa è sempre stato gentile, altruista e presente per la sua famiglia, a differenza di suo fratello Ryad, un presentatore televisivo di grande notorietà, che viene rimproverato per il suo egoismo da coloro che lo circondano. Solo Moussa, che ha una grande ammirazione per suo fratello, lo difende. Un giorno Moussa cade e batte violentemente la testa. Ha subito una lesione cerebrale traumatica. Irriconoscibile, ora parla senza filtri e racconta ai suoi cari le loro quattro verità. Finisce per litigare con tutti tranne che con Riyadh...

LuogoCinema Otello
Indirizzo / ViaAscona
Info0792302593
Prezzo15/10 CHF
Sito webVai al sito
Mostra collettiva artisti di Caslano
Casa anziani Malcantonese sede di Caslano, Caslano
10.00

La Galerie - Caslano in collaborazione con la Casa anziani Malcantonese sede di Caslano - OSCAM, Via Mera, 9 - Caslano è lieta di annunciare la prima collettiva artisti di Caslano.

Per la prima collettiva non saremo in grado di invitare tutti gli artisti di Caslano che meriterebbero di essere presenti e, altre collettive seguiranno.

Orari di esposizione:

10.00-11.00
13.30-18.00

Di seguito gli artisti di questa prima collettiva: Orio Galli, Andy Wildi ed Ermanno Laghi.


Orio Galli, pittura e grafismi
L'artista è noto per le sue opere d'arte sorprendenti e innovative che riflettono la sua cifra grafica, in continua dialettica fra segno libero e segno strutturato.

Nell’ambito della sua carriera cinquantennale, Orio Galli ha saputo realizzare opere caratterizzate da un linguaggio creativo personale, dove la ricerca estetica non è disgiunta dall’impegno sociale. La passione per la calligrafia e la gestualità portano Orio Galli a dare ai suoi lavori grafici un’impronta spesso pittorica, con una forte sensibilità cromatica. Le sue opere continuano a ispirare e ad affascinare il pubblico.

Ringraziamo il m.a.x. museo e il Centro Culturale Chiasso, al quale l'artista ha donato il suo Archivio, per averci prestato alcune bellissime opere per l’esposizione di Orio Galli.

 

Andy Wildi
I dipinti del pittore nato a Baden che vive da 40 anni nel Malcantone si caratterizzano per il loro realismo espressivo, che a volte si spinge nel surreale e toccano fibre di latente nostalgia.

La sua opera comprende dipinti, murales, scenografie e oggetti, molti adornano anche libri pubblicati dall’editore tedesco Zweitausendeins.

La grande monografia “Andy Wildi – Befragte Wirklichkeit” pubblicata da Orell Füssli offre un quadro completo dell’opera dell’artista.

 

 

Ermanno Laghi

Ciò che rende il lavoro di questo pittore così unico è la sua capacità di adattarsi e trasformare le diverse influenze in qualcosa di personale e distintivo. Nel corso degli anni, Ermanno Laghi abbraccia stili diversi, passando addirittura a fasi cubiste riuscendo sempre a mantenere una coerenza emotiva e tematica.

Le figure femminili esposte oggi sono caratterizzate da una sensualità sottile, sofisticata, fashion e, composizioni suggestive.

LuogoCasa anziani Malcantonese sede di Caslano
Indirizzo / ViaVia Mera, 9, Caslano
PeriodoDal 14.04.2024 al 31.05.2024
GiorniTutti i giorni
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Swing Festival
Hotel Ascona****, Ascona
20.30

Swing Festival 12.04.2023 -21.04.2024

Sul leggendario Monte Verità, l’Hotel Ascona, rinomato 4 stelle, ha il piacere di presentare la decima edizione del Festival musicale interamente dedicato alla musica Swing degli anni ‘30-’40.

Per questo evento Frank Roberscheuten ha invitato un gruppo di eccellenti musicisti specializzati nello stile Jazz, i quali sono:

Paolo Alderighi, Dan Barrett, Béla Szalóky, Björn Ingelstam, Bernard Flegar, Shaunette Hildabrand, Chris Hopkins, Frits Landesbergen, Olaf Polziehn, Jost Machtel, Thimo Niesterok, Oliver Mewes, Nicki Parrott, Frank Roberscheuten, Rossano Sportiello, Stephanie Trick e Engelbert Wrobel.

La formazione dà vita a 19 concerti di alto livello per 10 giorni consecutivi.


Da sabato 13 aprile ’24 a domenica 21 aprile ‘24, ogni giorno:

ore 11:30: concerto di mezzogiorno

ore 20:30: concerto serale

Per informazioni prezzi e prenotazioni non esitate a contattarci.

Vi aspettiamo numerosi!

  

Hotel Ascona****
Via Signor in Croce 1
6612 Ascona
Tel: 091 785 15 15
Fax: 091 785 15 30
E-Mail: booking@hotel-ascona.ch

LuogoHotel Ascona****
Indirizzo / ViaVia Signor in Croce 1 , Ascona
PeriodoDal 13.04.2024 al 21.04.2024
GiorniTutti i giorni
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
"Elisir di Primavera"
Fondazione Majid, Ascona
10.00

Mostra personale di Alexandra von Burg

Dal 30 marzo al 30 maggio 2024

Orari di apertura:
Martedì – Domenica 10.00 – 13.00 | 14.30 – 19.00 (Lunedì chiuso)

Incontro con l’Artista SABATO 6 APRILE, a partire dalle 14.30
Rinfresco offerto 

Fondazione Majid
Via Borgo, 7 – 6612 Ascona TI – Switzerland

www.foundationmajid.com 

Dal 30 marzo, presso la prestigiosa Fondazione Majid di Ascona, sarà visitabile la nuova mostra personale di Alexandra von Burg, pittrice nota in Canton Ticino e oltreconfine per il suo stile unico e originalissimo, capace di coniugare in maniera inedita l’astratto e il figurativo.

Intitolata “Elisir di Primavera”, la ricchissima esposizione raccoglie quasi settanta opere di grande, medio e piccolo formato, frutto dell’instancabile e appassionata ricerca degli ultimi due anni. Centrale, in questa ampia collezione, è il tema della Natura, un soggetto che Alexandra von Burg ha sempre indagato ma che oggi appare sotto una luce nuova, più intima e introspettiva.

Una consapevolezza maggiore conquistata grazie alla ritrovata libertà di questi mesi di post-pandemia, in cui l’artista ha scelto di vivere il più possibile all’aperto, concedendosi lunghe passeggiate in montagna (dove ha la fortuna di condurre la propria esistenza), diversi viaggi dal carattere naturalistico e persino un emozionante pellegrinaggio in cammino in Toscana. Esperienze spirituali ed estetiche che, inevitabilmente e quasi necessariamente, hanno poi trovato spazio e forma sulle sue tele guidando i suoi pennelli per ricreare le tante suggestioni impresse nella mente e nell’animo.

Nuovissima è la serie dedicata alle Ninfee, soggetto a cui l’artista si è ispirata nel 2023 quando ha preso parte alla mostra collettiva in omaggio al pittore svizzero Luigi Rossi (1853-1923) promossa dal Festival “La carezza perduta”; uno spunto intellettuale che in seguito è germogliato dando vita a sette dipinti, alcuni dei quali di grandi dimensioni e di notevole respiro, caratterizzati da accordi cromatici dal fascino delicato che nulla tolgono alla forza dei bagliori sulla superficie dell’acqua o al riflesso contrastato di un cielo nuvoloso.

I fiori, che da sempre animano le sue opere, diventano ora i vivaci protagonisti di molte raffigurazioni. Reali, verosimili o dichiaratamente di fantasia, colpiscono per i loro colori tersi e brillanti, per il movimento ondivago degli steli e delle foglie, per l’originale definizione delle corolle, talvolta sottolineate e rese vibranti da un incerto contorno bianco tracciato a matita, per la presenza di piccole gocce di rugiada che imprimono alla scena quella sensazione dell’attimo fuggente che è così difficile riprodurre in pittura. In queste atmosfere luminose, serene e ottimistiche dove tutto è un inno al risveglio dal torpore dell’inverno e un invito al piacere dei sensi i fiori, soprattutto, si manifestano come emblema di una sensualità libera e innocente, aggraziata e gioiosa.

Non mancheranno in mostra le versioni più recenti delle suggestive vedute marine che, negli ultimi anni, sono diventate probabilmente la cifra stilistica dell’autrice in virtù del loro fascino e della loro potenza espressiva. Esse ci pongono al cospetto di una natura incontaminata, selvaggia, orgogliosa e indomabile. Sorrette da un ritmo incalzante, rivelano un moto dell’animo che da impulsivo diventa sempre più riflessivo, da inquieto si fa disteso, man mano che le singole energie convergono in una visione completa e unitaria. Sono scene di forte impatto visivo ed emozionale che invitano a calarsi in una realtà sospesa tra reale e immaginario riandando, con la memoria, al proprio vissuto e alla propria esperienza personale.

Di carattere più personale, più intellettuale e più grafico, è l’ampio repertorio iconografico che Alexandra von Burg ha costruito nel tempo e che ritorna ciclicamente, spontaneamente, ora con discrezione ora con maggiore enfasi, costellando il suo lungo e articolato percorso di ricerca.

Alla mostra “Elisir di Primavera”, chi segue l’artista da tempo riscoprirà con piacere i simboli vitali che rendono così stimolante la lettura dei suoi quadri come, ad esempio, il cerchio, la sfera, la spirale e anche la scelta stessa dei colori che, spesso, lascia intuire una motivazione simbolica profonda e vagamente misteriosa. Appartengono a questo repertorio simbolico anche gli uccellini stilizzati, dalla forma tondeggiante, che sempre più spesso vivacizzano le sue tele più astratte; sono creature fragili e delicate che ispirano simpatia e spirito di protezione, e che ben rappresentano il nostro desiderio segreto di liberarci da ciò che ci opprime per spiccare il volo, con gioia e spensieratezza, verso la sconfinatezza del cielo.

Attraverso questa mostra, l’artista sembra rivolgerci un invito a riscoprire la bellezza del creato che ci circonda, nelle grandi come nelle piccole cose; è una bellezza che ci si offre spontaneamente ogni giorno e di cui potremmo godere pienamente in ogni momento, se avessimo la predisposizione d’animo giusta per farlo. Alexandra ci offre il suo sguardo sulla Natura, ricco di incanto e di meraviglia, di curiosità e di riconoscenza, per trasportarci in una dimensione sospesa tra reale e immaginario da percorrere liberamente, serenamente, alla ricerca di un benessere individuale che, una volta trovato, si desidera condividere.

Alexandra von Burg nasce nel 1968 in Ticino, dove attualmente vive e lavora. Dal 2001 è presente a manifestazioni artistiche di livello nazionale ed internazionale.

Il suo percorso artistico comincia nel 2000 da autodidatta, quando alle prime esperienze pittoriche su seta affianca presto la pittura acrilica su tela e tecniche miste in cui sperimenta sempre nuove soluzioni.

Ha intrapreso la via della decorazione architettonica realizzando diversi murales, di grandi dimensioni e di forte impatto visivo, in edifici privati in Canton Ticino.

Dal 2002 è membro dell'Associazione Pittori e Scultori Ticinesi, di cui è stata Presidente dal 2014 al 2021.

Sito personale dell'artista:

https://www.alexvonburg.com/

LuogoFondazione Majid
Indirizzo / ViaVia Borgo, 7, Ascona
PeriodoDal 30.03.2024 al 30.05.2024
GiorniMa Me Gi Ve Sa Do
Sito webVai al sito
Dove c’è Hermann Hesse, c’è Volker Michels
Museo Hermann Hesse Montagnola, Montagnola
10.30

Dove c’è Hermann Hesse, c’è Volker Michels – Curatore e pioniere di un autore intramontabile

Mostra temporanea al Museo Hermann Hesse Montagnola

Da mezzo secolo l'opera di Hermann Hesse e la nostra conoscenza dello scrittore sono sempre più complete, anche grazie al lavoro del suo curatore Volker Michels. Con l'edizione in 20 volumi delle "Opere complete" e l'edizione in 10 volumi delle lettere più importanti del poeta, egli ha più che raddoppiato la raccolta dei suoi scritti e l'ha arricchita di aspetti importanti prima sconosciuti. Ha reso l'opera di Hesse nuovamente accessibile in numerosi volumi tematici su questioni esistenziali sempre attuali e in volumi di materiale sulla storia della creazione e dell'impatto dei libri di Hesse, di cui sono state distribuite almeno 150 milioni di copie in tutto il mondo. L'Editionsarchiv, che lui e sua moglie Ursula hanno costruito in collaborazione con il figlio di Hermann Hesse, Heiner, comprende tutto ciò che è stato possibile ricercare e scoprire sul poeta negli ultimi decenni. In questa mostra verranno svelate le motivazioni di questo appassionato ricercatore e redattore, che corrispondeva con il poeta sin da studente e ha lavorato come curatore presso le case editrici Suhrkamp e Insel per quattro decenni. Scoprirete, inoltre, come il lavoro editoriale possa ampliare e aggiornare l'immagine di un autore.

LuogoMuseo Hermann Hesse Montagnola
Indirizzo / ViaMontagnola
PeriodoDal 30.03.2024 al 02.02.2025
GiorniTutti i giorni
PrezzoCHF 10.- / 8.-
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
SOUND ECHOES, LISTENING SPACES
Locarno, Locarno
15.00

SOUND ECHOES, LISTENING SPACES
30.03 - 27.04.2024

Con: Laurent Güdel, Juliette Henrioud
Curata da: Isotta Regazzoni

Vernissage: Sabato 30 marzo 2024 dalle 18:00

Durante il Vernissage, dalle 19:00, ascolto collettivo di Suoni svaniti, inudibili e immaginari di Laurent Güdel. 

Orari di apertura della mostra: da venerdì a sabato, dalle 15:00 alle 19:00 e su appuntamento scrivendo a: direzione@larada.ch

“Onde di sé”, nuovo programma espositivo de La Rada di Locarno inaugura sabato 30 Marzo 2024 con la mostra “SOUND ECHOES, LISTENING SPACES”. Curata da Isotta Regazzoni, la mostra presenta Suoni svaniti, inudibili e immaginari di Laurent Güdel e (Tumulte) di Juliette Henrioud.

Il progetto nasce dal desiderio di dedicare lo spazio de La rada al suono e ai suoi echi.  Da un lato Laurent Güdel, artista sonoro di Bienne, continua il suo percorso di ricerca sulla storia del suono elettronico, della radio e delle tecnologie audio in generale. Coglie l'occasione per concentrarsi su istituzioni e infrastrutture sonore emblematiche come le antenne e i trasmettitori del Monte Ceneri e di Isone, la Fonoteca Nazionale di Lugano e lo Studio Elettroacustico Sperimentale di Gravesano. La sua composizione sonora è costituita da sue registrazioni, effettuate durante alcune visite in Ticino, e da alcuni archivi sonori degli anni '50 che ha potuto raccogliere presso la Fonoteca nazionale. Juliette Henrioud, artista di Losanna, sviluppa una pratica ibrida che mette in dialogo il mondo del suono con quello pittorico attraverso un approccio intuitivo. L'artista esplora i possibili legami tra onde sonore e stimoli visivi attraverso un approccio introspettivo, che combina l'intuizione del gesto pittorico con la relazione tra tela, colore, materia visiva e conoscenza. Una miscela di onde sonore e field recordings in dialogo con acrilici e acquerelli.

Per inaugurare l'evento, Laurent Güdel inviterà il pubblico a immergersi nella sua installazione sonora in un ascolto collettivo all'apertura del 30 marzo 2024 dalle 19:00.

———

Parallelamente alla prima mostra prenderà avvio il ciclo estemporaneo di perfomance sonore dal titolo “MICRORACCONTI” a cura di Yimei Zhang, che il 20 Aprile 2024 presenterà una sound performance dell’artista Nadia Peter.

———

La rada
Via alla Morettina 2
6600 Locarno
https://larada.ch/
IG: larada_locarno
FB: La rada

LuogoLocarno
Indirizzo / ViaLocarno
PeriodoDal 30.03.2024 al 27.04.2024
GiorniMa Me Gi Ve Sa
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Non siamo più nel medioevo
Castello di Sasso Corbaro, Bellinzona
10.00

Da sempre conosciuti come i castelli, oggi rispondono all’appellativo di Fortezza Bellinzona – ma perché?
Una mostra a Sasso Corbaro esplora secoli di trasformazioni delle fortificazioni bellinzonesi, iscritte dal 2000 nella Lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO. Attraverso video, disegni, reperti storico-archeologici ed attività interattive l’esperienza è quella di un viaggio tra passato, presente e futuro. Dal neolitico fino agli ultimi restauri, con un assaggio di quello che verrà: la Fortezza è oggi un luogo senza tempo.

LuogoCastello di Sasso Corbaro
Indirizzo / ViaVia Sasso Corbaro 44, Bellinzona
PeriodoDal 23.03.2024 al 03.11.2024
GiorniTutti i giorni
Prezzo15 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
PrevenditaAcquista biglietti su La Fortezza
Noi e gli Altri
Biblioteca cantonale Bellinzona, Bellinzona
08.00

NOi e gli Altri - Dai pregiudizi al razzismo

Quali sono i meccanismi mentali che ancora oggi producono le rappresentazioni del razzismo?
Se siamo tutti uguali, come mai le cifre mostrano che il fenomeno è ancora molto presente nella nostra società? Queste e altre domande vengono affrontate nella mostra itinerante Noi e gli Altri – Dai pregiudizi al razzismo, che grazie al Servizio per l’integrazione degli stranieri (SIS) giunge a Palazzo Franscini nell’ambito della Settimana contro il razzismo 2024.

Del rapporto con l’Altro e di razzismo tra media, arte e apertura istituzionale si parlerà durante una tavola rotonda, che costituirà l’occasione per presentare la versione in lingua italiana del podcast «Parliamone! 20 voci sul razzismo» prodotto dal Servizio per la lotta al razzismo della Confederazione.

La mostra, concepita dal Musée de l’Homme di Parigi e in seguito adattata in una versione itinerante, è arrivata in Ticino su iniziativa del SIS, in collaborazione con la Divisione della scuola e la Divisione della formazione professionale. L’esposizione sarà visitabile fino al 20 aprile 2024 secondo gli orari di apertura di Palazzo Franscini. Per informazioni www.ti.ch/integrazione-stranieri.

 

LuogoBiblioteca cantonale Bellinzona
Indirizzo / Viaviale Stefano Franscini 30 a, Bellinzona
PeriodoDal 21.03.2024 al 20.04.2024
GiorniTutti i giorni
EtàPer tutti
Shahryar Nashat. Streams of Spleen
MASI Lugano, Lugano

La più grande mostra personale di Shahryar Nashat mai presentata in Svizzera.

Il corpo umano, le sue percezioni e rappresentazioni svolgono un ruolo centrale nel lavoro di Shahryar Nashat. Attraverso video, sculture e installazioni, l’artista crea esperienze sinestetiche che evocano emozioni e stati d'animo difficili da esprimere razionalmente. Evitando interpretazioni definitive, Nashat esplora tematiche come il desiderio, la mortalità, l'istinto animale e l'arte stessa.

Per la sala ipogea del MASI l’artista ha realizzato un progetto site specific che ne stravolge completamente l’atmosfera. Le opere esposte – quasi tutte nuove produzioni – dialogano con l’architettura modificata creando un’unica grande installazione che il pubblico è invitato ad esplorare, affrontando sensazioni contrastanti. Una composizione musicale di sinfonie e lamenti si diffonde e scandisce il ritmo del percorso.

Cuore pulsante della mostra è l’opera video Streams of Spleen (2024), riprodotta in loop su una grande parete di schermi luminosi. In quest’opera, che vede come protagonisti i lupi, l’artista esorta ad allontanarsi dalla prospettiva umano-centrica e ad assumere il punto di vista animale.

A cura di Francesca Benini.
Un progetto in collaborazione con Istituto Svizzero, Roma | Milano | Palermo.

LuogoMASI Lugano
Indirizzo / Viapiazza Bernardino Luini 6, Lugano
PeriodoDal 17.03.2024 al 18.08.2024
GiorniTutti i giorni
Prezzo20 CHF
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Luca Marignoni. "Il cielo mira"
KROMYA Art Gallery, Lugano
18.30

Luca Marignoni è protagonista di un nuovo progetto promosso da KROMYA Art Gallery. Dopo la personale Lo stesso cielo, ogni notte, allestita a Verona nel 2023, e la partecipazione ad Arte Fiera Bologna con uno stand monografico, la Galleria presenta nella sede di Lugano, dal 12 marzo al 29 aprile 2024, la prima personale svizzera dell’artista, intitolata Il cielo mira.

Curata da Luca Massimo Barbero, l’esposizione sarà inaugurata martedì 12 marzo alle ore 18.30 con contestuale presentazione del catalogo. Saranno presenti l’artista e il curatore.

L’allestimento svela un percorso scandito da una selezione di circa venti opere scultoree: legno, cartongesso e alluminio sono il veicolo materico per tradurre la visione artistica di Luca Marignoni. Realizzati tra il 2016 e il 2024, i lavori esposti comprendono anche diversi inediti, fatti appositamente per la mostra di Lugano. 

Definita da Luca Massimo Barbero come “poetica del limite”, la ricerca di Luca Marignoni ha un approccio in cui meditazione e contemplazione giocano un ruolo centrale. L’artista riflette su quale sia l’orizzonte fra il visibile e l’invisibile per immaginare un luogo “altro” in cui la mente possa essere libera di espandersi, senza conoscere barriere, comprese quelle della materia stessa. Un processo che si svela e si rivela tramite un minuzioso lavoro scultoreo di sottrazione, che dà vita a forme tali da non richiamare nessun nome specifico e da non suggerire un solo oggetto: 

«Le forme si offrono come un campo aperto di potenziale significato. Come se con il togliere la materia arrivassi ad una forma che genera la spinta verso un essere riconosciuto, che poi si ferma lì e non arriva mai ad accettare di essere un racconto solo», spiega l’artista. 

La mostra è accompagnata da un catalogo pubblicato da Grafiche Aurora nel 2024 che documenta l’intera produzione dell’artista con le opere e le vedute delle esposizioni di Verona e Lugano.

LuogoKROMYA Art Gallery
Indirizzo / ViaViale Franscini 11, Lugano
PeriodoDal 12.03.2024 al 29.04.2024
GiorniMa
Info3898363333
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Espressionisti dalla Fondazione Werner Coninx
Museo Comunale d'Arte Moderna, Ascona
10.00

Il Museo Comunale d'Arte Moderna di Ascona è lieto di accogliere questa prima mostra di valorizzazione e di condivisione delle opere della Fondazione Werner Coninx di Zurigo, della quale da agosto 2023 beneficia di ben 189 opere prevalentemente grafiche, che sono state oggetto di un prestito permanente a lungo termine. La rassegna si focalizza attorno a 14 artisti delle avanguardie storiche legati o vicini alla Neue Künstlervereinigung München (1909) e quindi al Blaue Reiter (1911), che hanno concorso a rivoluzionare il linguaggio artistico in senso dapprima espressivo e poi tendenzialmente astratto. Accanto ai capostipiti Wassily Kandinsky, Gabriele Münter, Marianne Werefkin, Franz Marc, troviamo le grandi personalità degli amici sodali August Macke, Paul Klee, Heinrich Campendonk, Louis René Moilliet e Richard Seewald e quelle dei meno noti Adolf Hölzel, Conrad Felixmüller, Robert Genin, Andreas Jawlensky e Ignaz Epper.

Inaugurazione 9 marzo, ore 18.00

LuogoMuseo Comunale d'Arte Moderna
Indirizzo / ViaVia Borgo 34, Ascona
PeriodoDal 10.03.2024 al 02.06.2024
GiorniMa Me Gi Ve Sa Do
Prezzo10 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
PrevenditaAcquista biglietti
Swiss Press Photo 2023
Castel Grande, Sala Arsenale, Bellinzona
10.00

I premi del concorso Swiss Press Photo sono stati consegnati dalla Fondazione Reinhardt von Graffenried il 28 aprile 2023 a Berna. La Swiss Press Photo fa parte degli Swiss Press Awards con Swiss Press Text, Online, Audio, Video e Local. Scopo e attività centrale della Fondazione sono la promozione e il sostegno del giornalismo e del fotogiornalismo svizzero, indipendentemente dal fatto che utilizzi mezzi stampati o mezzi elettronici. La Fondazione svolge la sua attività senza alcun fine di lucro ed è indipendente dalle case editrici.

Al concorso hanno partecipato 159 fotografi svizzeri. Una giuria internazionale ha scelto i laureati fra 3290 fotografie nelle categorie «Attualità», «Vita quotidiana», «Reportage Svizzeri», «Ritratto», «Sport» e «Internazionale». Lo Swiss Press Photo è nato nel 1991 con lo scopo di promuovere il fotogiornalismo.

La mostra viaggia in tutta la Svizzera e fa tappa a Zurigo, Berna, Prangins e Bellinzona.

LuogoCastel Grande, Sala Arsenale
Indirizzo / ViaSalita Castelgrande 18, Bellinzona
PeriodoDal 01.03.2024 al 28.04.2024
GiorniTutti i giorni
Prezzo15 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
PrevenditaAcquista biglietti su La Fortezza
Verso l'orizzonte freddo
Osteria L'Uliatt, Fondazione Diamante, Chiasso
09.15

Fotografie di Patrizia Mazza

Patrizia Mazza è nata e cresciuta a Melano. dopo le scuole dell'obbligo e l'apprendistato di commercio inizia a lavorare nell'amministrzaine  comunale. Inizia poi un percorso universitario ed ottiene unalicenza in scienze politiche presso l'Università di Ginevra e in segiuto un master in Informazione Documentaria.

Il viaggio ha sempre fatto parte della sua vita e si avivcina alla fotografia, in modo passivo, grazie a un compagno fotografo. Solo negli ultimi sei anni iniza a fotografare in modo attivo e continuativo, prima solo animali e poi paesaggi e particolari.

Da sempre affascinata dall'estremo Nord e dall'estremo Sud del mondo con la fotografia cerca di rendere "immortali" paesaggi e particolari effimeri, così effimeri da sparire anche nel giro di qualche minuto.

LuogoOsteria L'Uliatt, Fondazione Diamante
Indirizzo / ViaVia dei Fontana da Sagno 3, Chiasso
PeriodoDal 01.03.2024 al 24.05.2024
GiorniLu Ma Me Gi Ve
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Mostra "La scuola di Mendrisio. Un progetto"
Teatro dell'architettura Mendrisio, Mendrisio
14.00

Ogni anno l’Accademia di architettura dedica una mostra all’offerta formativa. Con un formato completamente rinnovato rispetto alle passate edizioni, l'esposizione ha anche quest'anno come obiettivo primario presentare una rassegna sul lavoro prodotto collettivamente durante l’ultimo anno accademico 2022/23. Tuttavia, è anche occasione per riflettere di nuovo sulla natura di una scuola di architettura, dedicando uno spazio in mostra per tratteggiare in sintesi i principi che hanno guidato la formazione di alcune scuole del secolo scorso.

Utilizzando gli spazi del Teatro dell’architettura, l’intento è quello di avvicinare il pubblico, non solo quello degli adetti ai lavori, alla varietà delle attività che vengono svolte all’interno dell'Accademia, con la presentazione di progetti, immagini, modelli, accompagnati da una serie di interviste che rappresentano l'ampia e variegiata comunità che anima il campus dell'USI a Mendrisio.

Calendario e orari di apertura
23 febbraio 2024 – 30 giugno 2024

martedì / mercoledì / giovedì / venerdì: ore 14.00-18.00
sabato / domenica chiuso, ad eccezione dei seguenti fine settimana di apertura speciale:
sa 24–do 25 febbraio 2024: ore 10.00-18.00
sa 2–do 3 marzo 2024: ore 10.00-18.00
sa 6–do 7 aprile 2024: ore 10.00-18.00
sa 4–do 5 maggio 2024: ore 10.00-18.00
sa 18–do 19 maggio 2024: ore 10.00-18.00 - Giornata Internazionale dei Musei, in collaborazione con la Rete dei Musei d'arte del Mendrisiotto.
sa 1–do 2 giugno 2024: ore 10.00-18.00
sa 29–do 30 giugno 2024: ore 10.00-18.00
lunedì chiuso

aperture durante i giorni festivi:
mar 19 marzo, San Giuseppe, ore 14.00-18.00
mer 1. maggio, Festa del Lavoro, ore 14.00-18.00
gio 9 maggio, Ascensione, ore 14.00-18.00
gio 30 maggio, Corpus Domini, ore 14.00-18.00
sa 29 giugno, San Pietro e Paolo, ore 10.00-18.00

>> Maggiori informazioni
 +41 58 666 58 67 - info.tam@usi.ch

LuogoTeatro dell'architettura Mendrisio
Indirizzo / ViaVia Turconi 25, Mendrisio
PeriodoDal 23.02.2024 al 30.06.2024
GiorniMa Me Gi Ve Sa Do
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Salvataggio anfibi Ticino
Ticino, Bellinzona
20.00

Durante la migrazione primaverile verso i luoghi di riproduzione, rane e rospi rimangono spesso vittime della strada. A fine inverno, i volontari e le volontarie del WWF posano le barriere lungo i tratti stradali interessati dall'attraversamento degli anfibi e spostano gli individui da un lato all'altro della carreggiata. Il lavoro di volontariato è fondamentale per tenere aggiornati i dati statistici sulla popolazione degli anifibi in Ticino.

 La migrazione degli anfibi sta per iniziare. 

WWF e Centro di Coordinamento per la Protezione degli Anfibi e dei Rettili in Svizzera (Karch) rinnovano quindi, a tutti gli utenti della strada, l'appello alla prudenza e al rispetto affinché questi animali, protetti dalla legge poiché minacciati d’estinzione e preziosi anelli della catena biologica, non siano vittime della strada.

Un appello è rivolto anche alla popolazione. Azioni di salvataggio degli anfibi sono organizzate in diverse località della Svizzera italiana, ma questo è possibile solo grazie all’impegno di volontari e volontarie.

I luoghi di migrazione pattugliati sono:

Meride, Somazzo, Castel San Pietro, Riva San Vitale, Figino, Barbengo, Caslano, Muzzano (Sorengo e Piodella), Origlio, Lumino, Camorino, Magadino, Locarno, Vogorno e Lodano. 

Cerchiamo inoltre volontari/volontarie per raccogliere informazioni sulla strada cantonale che da Molinazzo di Monteggio porta a Ponte Tresa (zona Madonna del Piano).

 

per info e iscriversi: https://events.wwf.ch/campagna-per-la-natura/Salvataggio_anfibi_240301

LuogoTicino
Indirizzo / ViaBellinzona
PeriodoDal 22.02.2024 al 30.04.2024
GiorniTutti i giorni
Info0794621896
EtàPer adulti
Sito webVai al sito
Faccia a faccia. Omaggio a Ernst Scheidegger
MASI Lugano, Lugano

Con opere di Cuno Amiet, Hans Arp, Max Bill, Serge Brignoni, Marc Chagall, Eduardo Chillida, Salvador Dalí, Max Ernst, Alberto Giacometti, Fritz Glarner, Oskar Kokoschka, František Kupka, Henri Laurens, Le Corbusier, Fernand Léger, Verena Loewensberg, Richard Paul Lohse, Marino Marini, Joan Miró, Henry Moore, Ernst Morgenthaler, Germaine Richier, Sophie Taeuber-Arp, Georges Vantongerloo


Attivo come fotoreporter e collaboratore dell’agenzia Magnum Photos, Scheidegger è noto a livello internazionale per i ritratti d’artista. Personalità sfaccettata e multiforme, Scheidegger è stato anche pittore, grafico, regista e, in seguito, gallerista ed editore.

La mostra al MASI ripercorre la produzione di questo straordinario fotografo attraverso un nucleo di oltre cento immagini composto da un’ampia scelta di scatti giovanili inediti del decennio 1945 - 1955 e dai celebri ritratti d’artista. Nella seconda sezione della mostra i ritratti fotografici dialogano con una selezione di opere delle artiste e degli artisti di volta in volta immortalati.

A cura di Tobia Bezzola e Taisse Grandi Venturi
In collaborazione con il Kunsthaus Zürich e la Stiftung Ernst Scheidegger-Archiv

 

Orari di apertura del museo:
Ma / Me / Ve: 11.00 – 18.00
Gi: 11.00 – 20.00
Sa / Do / Festivi: 10.00 – 18.00

LuogoMASI Lugano
Indirizzo / Viapiazza Bernardino Luini 6, Lugano
PeriodoDal 18.02.2024 al 21.07.2024
GiorniMa Me Gi Ve Sa Do
Prezzo20 CHF
Sito webVai al sito
Insectopia, la mostra minigolf
Minigolf Garden Indoor, Quartino
10.00

Grandi e piccini alla scoperta di questi incredibili animali in taglia xxl!

Quest’anno, INSECTOPIA si installa al MINI-GOLF INDOOR GADREN di Quartino nel cantone Ticino, per la gioia delle famiglie! Tuffati in un universo immaginario dove tutti questi piccoli animali che ci fanno a volte rabbrividire diventano, per il tempo di una visita, più grandi di te. Non c’è da preoccuparsi, sono innocui, anzi, ti invitano a un viaggio nel mondo minuscolo per imparare di più sulla loro vita.

LuogoMinigolf Garden Indoor
Indirizzo / ViaQuartino
PeriodoDal 09.02.2024 al 20.05.2024
GiorniTutti i giorni
Prezzo8-16 CHF
EtàPer famiglie
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
APU HAIKU - Istantanee Andine
Canvetto Luganese, Lugano
08.30

Fotografie di Alfio Tommasini

Vernissage sabato 10.02.2024 ore 17.00

Sotto al vulcano crescono con audacia timide piante

LuogoCanvetto Luganese
Indirizzo / ViaVia R. Simen 14 b, Molino Nuovo, Lugano
PeriodoDal 06.02.2024 al 27.04.2024
GiorniMa Me Gi Ve Sa
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Bianco o nero Opere dalla Collezione 1935–2021
LAC, Lugano
18.00

Una prospettiva inedita su un nucleo di opere dalla Collezione MASI mai presentate prima, o raramente esposte
In un percorso multi-tematico la mostra “Bianco o nero” mette in dialogo opere di pittura, scultura, fotografia, arte cinetica e concettuale dagli anni Trenta ai giorni nostri. Dalle voci più forti dell’arte italiana del secondo dopoguerra al ready made dell’arte concettuale, dalla pop art alla scultura iperrealista dell’inizio del nuovo millennio, questa ristretta, ma attenta selezione, riesce a toccare i diversi focus della Collezione del MASI. Dagli accostamenti tra i lavori – giocati sul filo della suggestione visiva e concettuale del bianco o nero – nascono inoltre molteplici e inaspettate possibilità di lettura.

Le opere esposte sono di proprietà della Città di Lugano, del Cantone Ticino e della Fondazione MASI; alcune appartengono all’Associazione ProMuseo, altre derivano da donazioni private – come le donazioni Panza di Biumo e Giancarlo e Danna Olgiati – o delle artiste e degli artisti stessi.

Accompagnano l’esposizione degli approfondimenti sulle singole opere, accessibili al pubblico tramite smartphone attraverso la scansione di appositi codici QR.

Orari d'apertura:

Ma / Me / Ve: 11.00 – 18.00
Gi: 11.00 – 20.00
Sa / Do / Festivi: 10.00 – 18.00
Lu: chiu­so

LuogoLAC
Indirizzo / ViaLugano
PeriodoDal 11.11.2023 al 01.12.2024
GiorniMa Me Gi Ve Sa Do
Prezzo8 CHF
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
MODIFICHE EVENTI
Per qualsiasi modifica, eliminazione o annullamento per gli eventi presenti in agenda, scrivere a agenda@tio.ch
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile