liberatv
Letture
23.09.23 - 08:580

"In Scandinavia con il pollice", il primo libro di Giorgio Ghiringhelli

È disponibile il libro autobiografico del fondatore de Il Guastafeste. Si tratta di un avventuroso viaggio in autostop fino in Norvegia

BELLINZONA – Dalla casa editrice Salvioni è uscito in questi giorni – con una prefazione di Renato Martinoni – “In Scandinavia con il pollice”, il primo libro di Giorgio Ghiringhelli. Titolato Si tratta del “divertente diario di un avventuroso viaggio in autostop fino in Norvegia che, con una valigia e con pochi soldi in tasca, effettuai nel 1971, all’età di 19 anni”. Ecco alcuni estratti della pubblicazione del fondatore de Il Guastafeste.

“Lo scopo del viaggio non era culturale ma direi piuttosto… ormonale. Volevo andare a trovare tre ragazze che avevo conosciuto l’anno prima a un corso estivo di tedesco svoltosi all’Università di Vienna: una norvegese (Liesbeth, nome fittizio), una svedese (Maria) e una finlandese (Pirkko). Fino all’autunno del 1970 studiavo al Collegio Papio, che allora era riservato solo ai maschi. In quegli anni spirava un vento di contestazione nel mondo giovanile. Si contestava ogni tipo di autoritarismo, in particolare quello della scuola e della famiglia. C’era voglia di libertà, di anarchia.Erano i tempi dei capelloni, degli hippies e delle libertà sessuali. A me, cresciuto in una famiglia borghese, la contestazione politica non interessava e ancor meno mi piacevano le manifestazioni di massa, i concerti di massa. Sono sempre stato un individualista, abituato a pensare con la mia testa senza condizionamenti di sorta. A un certo momento però quell’atmosfera di ribellione generazionale mi contagiò. Mi sentivo irrequieto. Mi sentivo soffocare. Ero stufo di sottostare all’autorità paterna. Ero stufo della vita collegiale. Volevo più libertà. Volevo più contatti con il mondo femminile, innamorarmi, avere avventure sentimentali e fare esperienze sessuali. Così un bel giorno iniziai la mia personale contestazione”.

“(…)Nell’autunno del 1970 me ne andai dal collegio sbattendo la porta. Proseguii gli studi al liceo di Lugano, ma dopo qualche mese anche l’ambiente politicizzato che si respirava fra gli studenti di quella scuola mi andò stretto. La legge del branco non faceva per me. Era una forma di conformismo autoritario anche quello: o con noi o contro di noi, o rossi o neri. Così nell’aprile del 1971 decisi che era giunto il momento di conquistare la mia libertà. Avevo appena compiuto 19 anni ed ero ancora minorenne, visto che a quell’epoca la maggiore età era fissata a 20 anni. Piantai tutto e tutti e cominciai la mia grande fuga, che si concluse nel febbraio del 1972, quando fui chiamato a compiere il servizio militare. In quel lasso di tempo, lontano dalle comodità a cui ero abituato, non furono tutte rose: la libertà ha il suo prezzo. Ma fu quello il periodo più bello ed avventuroso della mia vita. Per campare dovetti arrangiarmi a fare vari lavoretti. Iniziai a Milano presso la ditta Honeywell. Poi mi trasferii a Zurigo, dove a quei tempi era facile trovare delle occupazioni temporanee ben remunerate. Lavorai ad esempio come contabile alla sede centrale dell’UBS in Paradeplatz, come magazziniere all’EPA e come addetto alla sorveglianza notturna dei degenti appena operati al Kantonsspital. Dormivo dove capitava: quando avevo fortuna, ospite di qualche amico ticinese che studiava all’Università, altrimenti assieme ai senzatetto che di notte cercavano rifugio dalla pioggia e dal freddo sotto la stazione, nel centro commerciale dello ShopVille (che se non erro adesso di notte viene chiuso). Fra un lavoro e l’altro partivo per qualche viaggetto in autostop, e tornavo quando avevo finito i soldi. Facevo una vita da povero, ma ero un uomo totalmente libero, svincolato da qualsiasi forma di autoritarismo, di sottomissione o di conformismo. E per me in quegli anni non v’era nulla di più prezioso della libertà.

Fu proprio nell’intervallo fra un lavoro e l’altro che decisi di partire in autostop per la Scandinavia, attratto anche dal mito delle ragazze nordiche belle (vero!) e facili (falso!). Però feci l’errore di affrontare quell’avventura con un equipaggiamento assolutamente inadatto. (…). Cammin facendo tenni un diario utilizzando due minuscole agende che riempii con fitte annotazioni scritte in minutissima calligrafia. Ho conservato quel diario per oltre 50 anni prima di decidermi a pubblicarlo” (…).

Il libro (144 pagine) è in vendita nelle principali librerie del Cantone e nelle edicole di Losone al prezzo di 22 franchi, ma può essere richiesto direttamente all’autore (scrivendo a: ilguastafeste@bluewin.ch) al prezzo di 20 franchi, con spedizione inclusa e con dedica su richiesta.

Tags
giorgio
anni
scandinavia
libertà
libro
primo libro
pollice
ghiringhelli
autostop
giorgio ghiringhelli
TOP NEWS Letture
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile