liberatv
Trekking
02.08.18 - 08:530
Aggiornamento: 04.08.18 - 16:31

Into the wild... Dal Naret al Naret, tra Cristallina e Basodino

Un nuovo itinerario di 'Trekking'.... Un'escursione lunga e impegnativa, in quanto si svolge in buona parte su sentieri impervi e su pietraie, toccando diversi laghetti alpini. Ma...

Questa escursione è lunga (circa 16 chilometri) e impegnativa, in quanto si svolge in buona parte su sentieri impervi e su pietraie, toccando diversi laghetti alpini. Ma i paesaggi e la natura meravigliosa di questa regione valgono lo sforzo. Bisogna prendersi il tempo, e prevedere almeno sei/sette ore di cammino, ad andatura tranquilla.

 

Il giro inizia dal lago Naret, a 2310 metri, raggiungibile in auto salendo da Fusio, in Valle Lavizzara, e seguendo la stradina che costeggia il lago di Sambuco. Dal fondo lago si imbocca il sentiero che porta alla capanna Cristallina, attraversando il passo del Naret (2'438 m).

Il percorso è un continuo sali-scendi, ma si può stimare il dislivello positivo totale in circa 700 metri.

 

Giunti alla capanna Cristallina (2'568 m), in cima all’omonimo passo, si gode una spettacolare vista sul maestoso ghiacciaio del Basodino, una vista che ci accompagna per buona parte del percorso successivo. E da lì bisogna calcolare circa 5 ore all’arrivo.

 

Il giro prosegue scendendo verso il lago Sfundau (2'392 m) e poi lungo un sentierino piuttosto esposto che costeggia lo specchio d’acqua, dove ancora galleggiano lastroni di ghiaccio.

In pratica si aggira il massiccio del Cristallina. Giunti al lago Nero, si sale l’omonima bocchetta (2'563 m), con passaggi attrezzati con catene e si torna verso il Naret dal versante opposto.

La vista spazia dal Basodino ai laghi della regione di Robiei. Varcata la bocchetta del lago Nero si attraversa la grande pietraia ai piedi della cima delle Donne. Bisogna procedere lentamente, ma il sentiero è ben marcato e pietre e massi sono stabili. L’ultima parte del percorso si svolge lungo la Valle del Coro su un sentiero erboso che costeggia il bellissimo lago di Laìozz (2'365 m), con la sua isoletta a forma di cuore. Da lì si scende verso il lago Naret.

 

Marco Bazzi

Potrebbe interessarti anche
Tags
naret
lago
cristallina
basodino
vista
buona parte
percorso
sentiero
sentieri impervi
passo
TOP NEWS Trekking
Trekking
3 anni
Traversata Tamaro-Lema, è il momento per farla. Non è una passeggiata. È un trekking. Vertigini? Mettetevi alla prova. Servono acqua, tempo e fiato. Ma non mancate le cime!
Trekking
3 anni
Che spettacolo i Campanitt coperti di neve! Una meraviglia della natura nel cuore della Valle di Blenio
Trekking
13 foto
Che spettacolo la transumanza degli yak sul Lucomagno! Le foto da urlo firmate da Luca Crivelli
Trekking
4 anni
Le meraviglie del Piora: dal Cadagno ai laghi della Miniera scendendo dalla bocchetta che dà sul lago di Dentro
Trekking
4 anni
Meraviglia dell'effimero alle pendici del Gridone... Che spettacolo il Bosco Sacro di Brissago con il maggiociondolo in fiore!
Trekking
5 anni
Finalmente in Ticino qualcosa si muove... Dopo il ponte tibetano in Val Colla, ecco il sogno di Rocco Cattaneo: una funivia che collega l'Alpe Foppa al Motto Rotondo. E da lì lo sguardo spazia dai laghi al Monviso, dal Rosa alle alpi bernesi: "Il Tamaro è
Trekking
6 anni
In a Gadda da Vida... Nel giardino dell'Eden. Viaggio sul meraviglioso altopiano del Naret, tra stambecchi, pernici bianche e pietraie di roccia frantumata. Un luogo di cui Angelo Nessi diceva: "Vi fa sentire fuori della vita reale, in qualche fantastico
Trekking
6 anni
Storia di Dino Baccalà, il muratore di Brissago, "leghista della prima ora", che nel '91 si trovò catapultato in Gran Consiglio. E che oggi gestisce un rifugio a Cimalmotto, La Reggia. "La politica l'è mia el me mesté. Meglio lavorare coi cani" (che sono
Trekking
6 anni
Una terrazza tra cielo e lago... Sul Pizzo Leone: da una parte l'azzurra distesa del Verbano, dall'altra i boschi delle Centovalli, le cime della Valle Vigezzo e, sullo sfondo, la creste innevate del Rosa e della sua catena vallesana
Trekking
6 anni
Cronache da sotto la vetta del "Signore del cielo". Dadò: "Siamo a 6'000 metri e lunedì tenteremo la scalata per la cima. Teneteci i pugni che ne abbiamo bisogno"
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile