liberatv
Trekking
05.06.19 - 17:250
Aggiornamento: 10.06.19 - 12:04

Traversata Tamaro-Lema, è il momento per farla. Non è una passeggiata. È un trekking. Vertigini? Mettetevi alla prova. Servono acqua, tempo e fiato. Ma non mancate le cime!

Vedrete il lago Maggiore, le Centovalli, la Verzasca, la Vallemaggia, le valli del Luinese, il golfo di Locarno, Bellinzona, Lugano, le sue valli e il suo lago, e sullo sfondo le vette più maestose delle Alpi: il Rosa e il Cervino…

Non è una passeggiata. È un trekking. E anche abbastanza impegnativo per chi non è alpinista o fa corsa in montagna. Dire esattamente quanto sali e quanto scendi non è facile, perché la traversata Lema-Tamaro, o Tamaro-Lema, è tutta un sali-scendi sulla cresta che separa il Ceresio dal Verbano, a una quota media di 1'500 metri. Io ho calcolato circa 750 metri di dislivello positivo, ma su qualche sito si parla di oltre 800.

 

Boh, ma poco importa. La difficoltà sta nella lunghezza del percorso. C’è chi parla di 13, chi di 15 chilometri… Anche qui, le versioni variano.

 

Come i tempi di percorrenza, del resto. Le 5 ore indicate dai cartelli gialli sono molto ipotetiche, perché se fai qualche sosta, se ti fermi spesso a guardare i panorama fantastici che ti si aprono davanti, se ogni tanto ti prende il fiatone, se non cammini come un mulo con i paraocchi, e soprattutto se sali sulle due cime, Monte Gradiccioli (1'936 metri) e Monte Tamaro (1'962 metri), il tempo giusto è di circa sei ore e mezza. Soste comprese. Take it easy. Cani ammessi, come testimoniano le foto, anche se alla fine saranno un po' provati anche loro...

 

Quindi, per chi parte dal Lema (salendo con la funivia da Miglieglia), occhio che l’ultima corsa delle ovovie che scendono dal Tamaro (alpe Foppa) verso Rivera, è ancora alle 17 (più avanti sarà alle 18).

 

Sito da consultare per orari e tutto il resto

 

La mitica traversata Tamaro-Lema, una delle più belle vie alte del Ticino, è aperta da pochi giorni - il sentiero è ormai sgombro da neve - e gli orari sono ancora quelli della bassa stagione.

 

La versione che preferisco è prendere il mini bus che parte da Rivera alle 9 (stazione dell’ovovia), ti porta a Miglieglia, nel Malcantone, dove con la funicolare raggiungi il Lema. Per ora solo nel week end, in piena stagione tutti i giorni. Perchè la salita dall'Alpe Foppa al Tamaro è su una strada sterrata, che è meglio fare in discesa.

 

I rododendri lungo il percorso non sono ancora in fiore, i costoni portano ancora i segni dell’inverno, ma ci sono le genziane che regalano qualche macchia di colore viola intenso lungo il cammino. E adesso, che non fa ancora caldissimo, è il momento giusto per affrontare la traversata.

 

Altra cosa da considerare: riempitevi il sacco di acqua o di liquidi senza speculare sul peso, perché non avrete molte possibilità di dissetarvi durante la traversata, e il sole picchia forte a quelle quote. Con l’ombra praticamente assente.

 

Qualche passaggio è un po’ esposto (ma sempre ben protetto) e se soffrite di vertigini e volete vincere il timore, questa è esattamente l’escursione che fa per voi. Del resto, stiamo parlando di un percorso in cresta. Quindi qualche strapiombo ogni tanto ci sta.

 

Comunque, se decidete di fare questa escursione, fatela fino in fondo: prendetevi il tempo e il fiato per salire sulle vette del Gradiccioli e del Tamaro, raggiungendo le due croci, anche se guardandole da sotto vi verrà da dire “ma chi me lo fa fare”.

 

Già, perché l’alternativa è aggirare le cime seguendo il sentiero ‘basso’, ma così vi perderete la vista dalle cime, che è una meraviglia. Vedrete il lago Maggiore, le Centovalli, la Verzasca, la Vallemaggia, le valli del Luinese, il golfo di Locarno, Bellinzona, Lugano, le sue valli e il suo lago, e sullo sfondo le vette più maestose delle Alpi: il Rosa e il Cervino…

Potrebbe interessarti anche
Tags
cime
tamaro
valli
tamaro-lema
tempo
metri
lago
vette
lema
passeggiata
TOP NEWS Trekking
Trekking
3 anni
Che spettacolo i Campanitt coperti di neve! Una meraviglia della natura nel cuore della Valle di Blenio
Trekking
13 foto
Che spettacolo la transumanza degli yak sul Lucomagno! Le foto da urlo firmate da Luca Crivelli
Trekking
4 anni
Into the wild... Dal Naret al Naret, tra Cristallina e Basodino
Trekking
4 anni
Splendida Bavona... Lo spettacolare anfiteatro della Crosa salendo dal Piano delle Creste
Trekking
4 anni
Le meraviglie del Piora: dal Cadagno ai laghi della Miniera scendendo dalla bocchetta che dà sul lago di Dentro
Trekking
4 anni
L'Irlanda del Ticino: sul passo di Gana Negra dove ti aspetti di veder spuntare William Wallace a cavallo
Trekking
4 anni
Meraviglia dell'effimero alle pendici del Gridone... Che spettacolo il Bosco Sacro di Brissago con il maggiociondolo in fiore!
Trekking
5 anni
Finalmente in Ticino qualcosa si muove... Dopo il ponte tibetano in Val Colla, ecco il sogno di Rocco Cattaneo: una funivia che collega l'Alpe Foppa al Motto Rotondo. E da lì lo sguardo spazia dai laghi al Monviso, dal Rosa alle alpi bernesi: "Il Tamaro è
Trekking
6 anni
In a Gadda da Vida... Nel giardino dell'Eden. Viaggio sul meraviglioso altopiano del Naret, tra stambecchi, pernici bianche e pietraie di roccia frantumata. Un luogo di cui Angelo Nessi diceva: "Vi fa sentire fuori della vita reale, in qualche fantastico
Trekking
6 anni
Storia di Dino Baccalà, il muratore di Brissago, "leghista della prima ora", che nel '91 si trovò catapultato in Gran Consiglio. E che oggi gestisce un rifugio a Cimalmotto, La Reggia. "La politica l'è mia el me mesté. Meglio lavorare coi cani" (che sono
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile