liberatv
Politica e Potere
02.10.22 - 09:210

Zali: "Marchesi punta al mio seggio. Consiglio di Stato del Mulino bianco? C'è un equilibrio"

Il leghista si dice consapevole che il presidente dell'UDC miri a prendere il suo posto. "Sarà l'elettorato leghista a valutare se confermarci il proprio sostegno o cambiare. Fare proclami è facile. La Lega ha un'anima sociale e mi ci riconosco"

BELLINZONA - Il Governo non é quello del Mulino bianco, ma ciò non vuol dire che non ci sia un clima positivo, anzi. Le differenze di visione sono normali e non è necessario che si sappia sempre chi ha votato a favore di cosa. Claudio Zali in una lunga intervista a La Domenica risponde a qualche frecciatina di Piero Marchesi, che in settimana ha annunciato la sua candidatura al Consiglio di Stato.

Il settimanale non esita a definirlo il suo sfidante e Zali lo vede come "ansioso di bruciare le tappe. Magari un po’ di pazienza in più ogni tanto non guasterebbe. In fin dei conti i consiglieri di Stato uscenti non resteranno in eterno". Un messaggio chiaro insomma.

Ma a precisa domanda, dice di non esserne infastidito. "Nelle trattative sulla lista unica non ho mai posto alcuna preclusione sui nominativi dei candidati dell’UDC. Quindi la cosa non mi disturba minimamente. I consiglieri di Stato uscenti sono forti. Poi sarà in particolare l’elettorato leghista a valutare se confermarci il proprio sostegno oppure optare per un cambiamento. Fare proclami è facile, portare la bandiera della Lega per trent’anni è un altro paio di maniche".

Ed è cosciente di essere nel mirino: "Non credo di soffrire di manie di persecuzione se ritengo che Marchesi non miri a un seggio leghista ma al mio seggio". 

Zali vede un'anima ancora sociale nella Lega e vi si riconosce, non la nota nell'UDC. 

Marchesi aveva parlato di un Consiglio di Stato del Mulino Bianco, per il Ministro non è proprio così. "Il governo - e questo probabilmente dà fastidio a molti - ha trovato un suo equilibrio, riconosce che è meglio essere coesi che passare le giornate a bisticciare. Ci sono discussioni, ma restano collegialmente riservate a noi. Non c’è bisogno di rendere partecipi tutti di ogni dettaglio. Poi quando prendiamo una decisione la difendiamo in modo compatto. A volte capita, per carità, che l’uno o l’altro voglia distanziarsi da una certa posizione. Ma nel complesso c’è un’atmosfera positiva".

Il clima insomma é ottimo: "Nell’interesse del Paese, non per comodità nostra. Non si fa ideologia in un Consiglio di Stato.  È naturale che ci siano sensibilità diverse. Ma gli steccati, gli schieramenti e le questioni aprioristiche di tipo ideologico non possono trovare posto in un Esecutivo che funziona".

Potrebbe interessarti anche
Tags
marchesi
leghista
mulino
seggio
equilibrio
zali
consiglio
stato
lega
posto
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile