liberatv
Trekking
03.06.17 - 17:580
Aggiornamento: 19.06.18 - 15:41

Finalmente in Ticino qualcosa si muove... Dopo il ponte tibetano in Val Colla, ecco il sogno di Rocco Cattaneo: una funivia che collega l'Alpe Foppa al Motto Rotondo. E da lì lo sguardo spazia dai laghi al Monviso, dal Rosa alle alpi bernesi: "Il Tamaro è

L'imprenditore: "Sono davvero contento, e penso anche al progetto del ponte tibetano in Val Colla, che in Ticino si stia risvegliando l’interesse per il turismo. Il turismo secondo me è un’importante ‘industria di esportazione’. È bellissimo che noi ticinesi possiamo godere delle nuove infrastrutture, ma dobbiamo anche pensare all’indotto economico”

RIVERA – E finalmente qualcosa si muove... Finalmente lamentele e piagnistei lasciano un po’ di campo e di spazio a sogni e progetti per il futuro del Ticino.

È dell’altro giorno la notizia del progetto di un ponte tibetano, il più lungo d’Europa, che collegherà due vallate della Val Colla e che, se verrà realizzato, diventerà un volano turistico per una regione splendida ma ancora poco valorizzata.

È di oggi la notizia di un altro progetto che si colloca a cavallo tra sogno e visione. Una funivia che collegherà l’Alpe Foppa, attuale punto di arrivo dell’ovovia che parte da Rivera, al Motto Rotondo, la cima di fianco alla vetta del Tamaro, a poco più di 1’900 metri di quota. L’impianto coprirà un dislivello di circa 500 metri e l’intero progetto costerà una quindicina di milioni.

La società promotrice è la Monte Tamaro, presieduta da Rocco Cattaneo, che oggi ha raccontato il suo sogno all’assemblea degli azionisti.

“Quello che ci manca attualmente all’Alpe Foppa – spiega Cattaneo a liberatv – è la vista. Mentre dal Motto Rotondo lo sguardo spazia su tutto l’arco alpino, dal Monviso al Rosa, fino alle alpi grigionesi e bernesi, e sulla pianura padana, il delta del Ticino e della Maggia, il lago Maggiore e il Ceresio”.

Con questa funivia, aggiunge l’imprenditore, “vogliamo rendere accessibile la vetta anche a chi, penso in particolare ad anziani e bambini, non è in grado di affrontare escursioni di un certo impegno, e valorizzare ulteriormente la traversata Tamaro-Lema, perché anche per salire o scendere al Tamaro dall’Alpe Foppa è un bello ‘strappo’. Il progetto prevede anche di realizzare in vetta un ristorante con un centinaio di posti e la messa in sicurezza del sentiero che, in cresta, collega il Motto Rotondo al Tamaro, e da lì al Lema”.

Credo che il Tamaro, dice Cattaneo, non sia stato ancora abbastanza valorizzato. Ma è una montagna splendida, un po’ come il Righi nel canton Svitto o il Pilatus a lucerna, una vetta che si trova inoltre a cavallo tra Verbano e Ceresio”.

Cattaneo è fiducioso che i soldi per questo investimento si troveranno. “Dalla fine degli anni Sessanta a oggi nella regione del Tamaro sono stati investiti 200 milioni, quindi la somma, pur importante, non è proibitiva. I primi business plan indicano che l’investimento è interessante, perché non partiamo da zero: abbiamo già un bacino di 350'000 persone all’anno che frequentano il Tamaro Park, e la metà di queste persone viene da fuori cantone. Sono davvero contento, e penso anche al progetto del ponte tibetano in Val Colla, che in Ticino si stia risvegliando l’interesse per il turismo. Il turismo secondo me è un’importante ‘industria di esportazione’. È bellissimo che noi ticinesi possiamo godere delle nuove infrastrutture, ma dobbiamo anche pensare all’indotto economico”.

Ora bisogna mettere a punto gli atti pianificatori, a partire dall’inserimento del progetto nel piano direttore cantonale, trattandosi di una funivia con concessione federale. Obbiettivo: realizzare il progetto entro il 2021-22, se tutto va bene. E speriamo che tutto vada bene.

emmebi

Tags
ticino
cattaneo
progetto
tamaro
funivia
rotondo
val
colla
alpe
val colla
TOP NEWS Trekking
Trekking
3 anni
Traversata Tamaro-Lema, è il momento per farla. Non è una passeggiata. È un trekking. Vertigini? Mettetevi alla prova. Servono acqua, tempo e fiato. Ma non mancate le cime!
Trekking
3 anni
Che spettacolo i Campanitt coperti di neve! Una meraviglia della natura nel cuore della Valle di Blenio
Trekking
13 foto
Che spettacolo la transumanza degli yak sul Lucomagno! Le foto da urlo firmate da Luca Crivelli
Trekking
4 anni
Into the wild... Dal Naret al Naret, tra Cristallina e Basodino
Trekking
4 anni
Splendida Bavona... Lo spettacolare anfiteatro della Crosa salendo dal Piano delle Creste
Trekking
4 anni
Le meraviglie del Piora: dal Cadagno ai laghi della Miniera scendendo dalla bocchetta che dà sul lago di Dentro
Trekking
4 anni
L'Irlanda del Ticino: sul passo di Gana Negra dove ti aspetti di veder spuntare William Wallace a cavallo
Trekking
4 anni
Meraviglia dell'effimero alle pendici del Gridone... Che spettacolo il Bosco Sacro di Brissago con il maggiociondolo in fiore!
Trekking
6 anni
In a Gadda da Vida... Nel giardino dell'Eden. Viaggio sul meraviglioso altopiano del Naret, tra stambecchi, pernici bianche e pietraie di roccia frantumata. Un luogo di cui Angelo Nessi diceva: "Vi fa sentire fuori della vita reale, in qualche fantastico
Trekking
6 anni
Storia di Dino Baccalà, il muratore di Brissago, "leghista della prima ora", che nel '91 si trovò catapultato in Gran Consiglio. E che oggi gestisce un rifugio a Cimalmotto, La Reggia. "La politica l'è mia el me mesté. Meglio lavorare coi cani" (che sono
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile