liberatv
TiPress/Francesca Agosta
Coronavirus
13.01.22 - 09:060
Aggiornamento: 09:35

De Rosa vs Berna: "La strategia di diffusione del virus può essere rischiosa"

Riduzione di quarantene e isolamenti, secondo il ministro, il passaggio da pandemia a endemia potrebbe essere più doloroso di quello che si lascia intendere

BELLINZONA – Prudenza. È la linea che il ministro della sanità Raffaele De Rosa raccomanda commentando le decisioni di ieri del Consiglio federale. Lo fa in un’intervista al Corriere del Ticino, premettendo che si esprime a titolo personale in quanto la consultazione dei Cantoni scade soltanto lunedì prossimo.

Il punto più controverso è la riduzione di isolamenti e quarantene, criticato anche dal dottor Mattia Lepori, vice responsabile dell’Area medica dell’Ente Ospedaliero: “Berna ha di fatto sdoganato la strategia della diffusione del virus, sperando che tra vaccinazioni e contagi la popolazione si immunizzi senza sovraccaricare il sistema ospedaliero", ha dichiarato ieri alla RSI (LEGGI QUI).

 

Il Consiglio federale ha deciso di ridurre a partire da oggi, giovedì 13 gennaio, la durata dell'isolamento da dieci a cinque giorni. Come finora, per poter uscire dall'isolamento una persona deve essere priva di sintomi per almeno 48 ore. I Cantoni possono però prevedere delle deroghe. Deroghe sono previste anche per la quarantena dei contatti, che pure sarà ridotta a cinque giorni, e limitata a chi vive nella stessa economia domestica o che ha contatti regolari e stretti con una persona risultata positiva al test. Sono esentate dalla quarantena le persone che hanno ricevuto l'ultima dose di vaccino o sono guarite da meno di quattro mesi.

 

“Con Omicron – afferma De Rosa - siamo entrati in una nuova fase, una fase ancora più complicata delle precedenti. Gli ospedali rimangono sotto pressione, ma questa variante mette grande pressione anche alla società e all’economia. Dunque non siamo più concentrati esclusivamente sulle ospedalizzazioni e sull’occupazione delle cure intense, bensì anche sulla necessità di garantire il funzionamento dei servizi essenziali. Ora si tratta di riuscire a bilanciare queste componenti, in un contesto comunque fragile e incerto. A mio modo di vedere, Berna sembra essere passata a una strategia di diffusione del virus. Un approccio nuovo, e che può essere rischioso. Per due motivi: c’è una stabilizzazione ad alto livello dei contagi ma anche dei ricoveri. Gli ospedali non sono vuoti e notiamo comunque una crescita regolare delle ospedalizzazioni”.

 

Secondo il ministro, il passaggio da pandemia a endemia potrebbe essere più doloroso di quello che si lascia intendere: “I tecnici, martedì, hanno parlato di grandi numeri: il 20 o il 30% della popolazione svizzera contagiata in due-tre settimane. Potremmo quindi dover vivere giornate molto difficili”.

 

E aggiunge: “Il 31 dicembre abbiamo adottato il provvedimento della riduzione della quarantena da 10 a 7 giorni. Riteniamo estremamente importante che ogni decisione riguardo alle quarantene o sull’isolamento poggi su basi scientifiche estremamente solide. Altrimenti c’è il rischio di un effetto boomerang: da un lato si riducono le quarantene per recuperare delle persone, dall’altro si permette a persone positive di circolare e di contagiare altre persone. Con il risultato di bloccare la società”.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
rosa
berna
de rosa
diffusione
quarantene
può
strategia
virus
essere
vs
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile