liberatv
Federali 2023
20.11.23 - 17:310
Aggiornamento: 21.11.23 - 17:54

Karin Valenzano Rossi: "Caro PLR, il politicamente corretto è la nostra zavorra"

Intervista alla municipale di Lugano: "Il partito non ha saputo entusiasmare, Chiesa e Regazzi sì. Speziali via? Assolutamente no!"

di Andrea Leoni

Karin Valenzano Rossi, cosa non va nel PLR?
“Niente di troppo grave che non si possa migliorare con un serio e franco esame di coscienza. Credo che il PLR - o almeno una buona parte di esso - per senso di responsabilità, sia portato a non affrontare comunicativamente con la giusta determinazione i temi che interessano davvero alle persone. Anche in questa campagna elettorale si sono lasciati agli altri partiti i temi veri, quelli attuali, scomodi dal profilo istituzionale e più sentiti dalla popolazione. Il PLR ha senz'altro delle posizioni e delle soluzioni, ma non riesce ad esprimerle semplicemente e chiaramente. In generale il PLR ha una comunicazione e una modalità troppo complicata in molto di quello che fa”. 

Quali sono i temi veri?
“Il tema della migrazione va affrontato in modo serio. A Lugano, per esempio, ci sono davvero asilanti che bighellonano, delinquono e creano problemi sociali e di convivenza. Dirlo a chiare lettere non significa essere razzisti, o non accoglienti con chi ha bisogno, ma realisti. Il PLR invece non affronta il tema in modo chiaro e realista, forse - ma è una supposizione - per timore di essere tacciati di gente chiusa o di razzisti. Il “politicamente corretto” zavorra, non nei fatti, ma sicuramente nella comunicazione. Ed è un problema serio. Anche i premi di casse malati sono un tema serio che tocca i cittadini. E su questo dossier il PLR non é riuscito a spiegare in modo semplice la nostra posizione. La gente, che oggi come oggi fa davvero fatica, non ha trovato alcuna risposta concreta. Il partito a livello cantonale dovrebbe inoltre sottolineare maggiormente le particolarità del Ticino (penso ai frontalieri o a temi come la neutralità e gli accordi con l’Unione europea) e se del caso, avere il coraggio di distanziarsi da quello che viene detto a livello nazionale o dai nostri consiglieri federali. Noi siamo qui e siamo  chiamati a risolvere o attenuare i problemi dei nostri cittadini, cosa che facciamo ma nella comunicazione traspare altro".

Perché la candidatura Farinelli non è passata?
“Non ho una risposta attendibile. Alex ha fatto molto ed è preparato e moderato. Il PLR non ha saputo entusiasmare, mentre UDC e Centro, con Chiesa e Regazzi lo hanno fatto. La gente ha bisogno anche di trascinatori. Nel PLR ce ne sono senz'altro ma i negativi, i brontoloni e i nostalgici si fanno sentire di più.  Abbiamo tanti allenatori che, per finire, appesantiscono i giocatori in campo invece di spronarli e aiutarli, coinvolgendo e convincendo la base”. 

Diversi liberali luganesi, lo avrà sentito anche lei, hanno scelto di votare Chiesa e Regazzi.
“È ovvio che un liberale con maggiore sensibilità di destra, che non vede presi di petto dal partito i temi che gli stanno a cuore, finisce per votare Chiesa e Regazzi, come è accaduto. Del resto sia Chiesa, che ci vive, che Regazzi, erano validi candidati con importanti contatti nella società luganese e nel mondo economico, che hanno saputo generare un effetto positivo”.
 
Alessandro Speziali dovrebbe lasciare la presidenza?
“No, penso di no! È affrettato e sbagliato giudicare il lavoro di un presidente dopo una sola tornata elettorale. Seguendo questa logica, anche Fiorenzo Dadò avrebbe dovuto lasciare all’inizio della sua presidenza. Invece è rimasto, ha continuato a lavorare e ieri ha vinto”. I capi espiatori servono solo nel brevissimo termine come pretesto per non farsi un serio e franco esame di coscienza e di cosa ogni liberale radicale avrebbe potuto fare meglio per centrare l’obbiettivo. Dare la colpa a qualcuno non è mai la risposta: bisogna rimboccarsi le maniche e affrontare i problemi quotidiani con coraggio, determinazione e tanto entusiasmo. 

A proposito di Dadò. Lui, sostanzialmente, ha detto che siete stati voi a spingere il Centro fra le braccia di Lega e UDC, rifiutando l’alleanza che vi aveva ripetutamente offerto. Pentita?
“Io l’ho sempre detto e lo ripeto oggi: le collaborazioni sono fondamentali e devono partire dai temi. E sono d’accordo con quanto dice Amalia Mirante: le buone idee non hanno colore. La gente è stufa di veder litigare i politici per delle sfumature o per la gara al posizionamento personale mentre il quotidiano dei cittadini diventa sempre più difficile. Concordo con Dadò sulla possibilità, in futuro, di costruire alleanze, anche tra PLR e il Centro. A livello comunale a Lugano sono molti i punti di contatto e tanti i temi importanti su cui si sono naturalmente trovate posizioni comuni. Anche dal profilo personale  la collaborazione con il PPD (prima) Centro (ora) è stata ed è tutt’ora molto buona, sia in Municipio sia in Consiglio Comunale: dalla riduzione del moltiplicatore, passando per l’aeroporto e i grandi progetti così come su temi più puntuali e quotidiani.  Per un progetto di più ampio respiro però, come a livello federale e a livello cantonale, non si può “darsele" di santa ragione per tutta la legislatura - con toni aspri e sgambetti in Gran Consiglio - e poi, quando arrivano le elezioni federali bussare alla porta e affermare che “i liberali non ci vogliono”. Se si vuole costruire una collaborazione che funzioni e che sia credibile agli occhi degli elettori, bisogna essere coerenti e collaborare giorno dopo giorno, cominciando dai temi concreti”. 
 

Potrebbe interessarti anche
Tags
chiesa
temi
valenzano
politicamente corretto
valenzano rossi
plr
karin valenzano
karin valenzano rossi
regazzi
corretto
TOP NEWS Federali 2023
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile