liberatv
Coronavirus
15.03.20 - 17:420
Aggiornamento: 23.03.20 - 16:00

Coronavirus, l'UDC nazionale: "Il Consiglio Federale adotti il modello ticinese per tutta la Svizzera"

Il primo partito svizzero chiede al Governo un giro di vite per contenere l'emergenza: "I contagi crescono alla stessa velocità che in Italia"

BERNA - Finalmente si stanno svegliano anche a Berna. Gli ultimi dati sui contagi a livello nazionale, e la posizione risoluta adottata in Ticino, sta convincendo la politica federale ad adottare misure più risolute per contrastare l’emergenza Coronavirus.

A chiedere ufficialmente un giro di vite al Governo è l’UDC nazionale. “La Svizzera - si legge in una nota - ha uno dei più alti tassi d’infezione pro capite al mondo. Inoltre, il Coronavirus si sta diffondendo nel nostro Paese alla stessa velocità vertiginosa che in Italia. È quindi assolutamente essenziale che il Consiglio federale intensifichi le misure adottate”.

“La diffusione del virus - proseguono i democentristi - deve assolutamente essere rallentata per evitare il collasso del nostro sistema sanitario. L'UDC invita pertanto il Consiglio federale ad estendere a tutta la Svizzera le misure che i Cantoni di Ticino e Basilea Campagna (che oggi ha deciso di seguire il nostro Cantone, ndr.) hanno imposto sul loro territorio. Allo stesso tempo, bisognerà garantire l'offerta medica e l'offerta di beni di prima necessità per la popolazione”.

L’UDC, infine, ribadisce “per l’ennesima volta la sua richiesta di chiudere immediatamente tutti i confini”.

Resta connesso con Liberatv.ch: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
Potrebbe interessarti anche
Tags
ULTIME NOTIZIE Archivio
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile