liberatv
Salute e Sanità
07.10.19 - 17:460

OTAF, non un istituto ma un 'Quartiere'. Roberto Roncoroni racconta i suoi 6 anni alla direzione: "Curiamo le persone e le loro anime"

"Sono molto rigoroso sull’attenzione alla persona, perché scivolare dalla ‘zona di conforto’ alla routine è un passo breve, che dobbiamo evitare"

SORENGO - Roberto Roncoroni, 54 anni, formazione in economia, ha assunto la guida dell’OTAF, acronimo di Opera Ticinese per l’Assistenza alla Fanciullezza, esattamente 6 anni fa: era il 1° ottobre del 2013 quando dal ruolo di segretario generale, che ricopriva già del 1990, venne nominato direttore della Fondazione con sede a Sorengo.

L’OTAF ha ormai cent’anni di storia – venne istituita nel 1917 – e in questo secolo è stata un punto di riferimento fondamentale per migliaia di persone, più o meno giovani, confrontate con problemi di salute (malattie polmonari e tubercolosi fino agli anni cinquanta e poi con disabilità di diverso tipo).

 

Oggi sono circa 370 gli utenti che fanno capo al centro di Sorengo, 110 dei quali vivono nelle diverse strutture abitative (casa con occupazione e medicalizzata a Sorengo e foyers esterni a Lugano, Massagno e Locarno). L’offerta diurna è composta da asilo e scuola speciale, laboratori protetti e centri diurni. Una cinquantina sono i minorenni, gli altri sono adulti di età compresa tra i 20 e i 70 anni. Con disabilità diverse, - handicap fisici o mentali, o entrambi, combinati, disturbi dello spettro autistico… -. Per gestire al meglio queste persone con casistiche così differenti sono stati creati dei gruppi, in modo da garantire la loro coesistenza nel centro.

 

‘Centro’, piuttosto che ‘istituto’. O ‘Quartiere OTAF’. Roncoroni usa questi termini per indicare un’apertura costante verso l’esterno, verso la popolazione, verso la società. Perché l’apertura è stata, e rimane, uno degli obiettivi della sua direzione.

Ma non è ovviamente l’unico.

“Dopo un periodo di osservazione – dice a liberatv – ho voluto dare un’impronta su due aspetti in particolare: il lavoro con la nostra utenza e quella che chiamo la cura delle persone che accogliamo. Cura con la C maiuscola, che non significa solo un letto pulito e buon cibo. Dobbiamo curare anche l’anima delle persone, garantendo loro una vita dignitosa e rispettosa delle loro residue capacità. Qualità di vita nelle varie forme, dunque, opportunità lavorative che non siano unicamente occupazione della giornata, attività culturali e ricreative…”.

 

In questo senso, l’OTAF ha un accordo con il LAC, dove gli ospiti possono visitare mostre fuori dall’orario normale o assistere alle prove generali di alcuni spettacoli.

 

“È il valore aggiunto che fa la differenza nella qualità di vita – spiega il direttore -. E su questo punto tengo l’asticella molto alta nei confronti dei miei collaboratori. Sono molto rigoroso sull’attenzione alla persona, perché scivolare dalla ‘zona di conforto’ alla routine è un passo breve, che dobbiamo evitare. Entro i prossimi giorni, per esempio, ho chiesto ai responsabili dei diversi reparti abitativi un programma in occasione dell’imminente settimana di vacanza autunnale: attività nei foyer o all’esterno. Pensi che un gruppo andrà a visitare l’acquario di Genova. Sono attività che non si possono improvvisare e organizzare dall’oggi al domani”.

 

Un altro punto su cui Roncoroni insiste molto è la formazione continua dei suoi 380 collaboratori.

“Ho creato un gruppo di lavoro che elabora annualmente un programma di proposte formative organizzate da noi: tutti i collaboratori devono prendersi il tempo per seguirle, e favoriamo la partecipazione a corsi organizzati da altri enti o scuole, quale ad esempio la SUPSI”.

 

Un terzo punto importante per il direttore dell’OTAF è quello della struttura operativa e organizzativa: “Ho completato l’organigramma con dei quadri intermedi e superiori, consapevole che oggi la nostra non può essere una struttura piramidale, con il direttore che fa tutto. Cerco quindi di promuovere la responsabilizzazione e l’autonomia di chi lavora con noi”.

 

L’OTAF riesce attualmente a rispondere abbastanza alle richieste: “Non abbiamo situazioni pressanti a cui dare risposta o lunghe liste d’attesa. E collaboriamo con gli altri 25 enti che operano nel settore della disabilità in Ticino. Abbiamo utenti che abitano da noi ma che in giornata vanno a lavorare in strutture di altre Fondazioni (laboratori protetti o centri diurni) o che lavorano presso enti o aziende. C’è dunque una certa mobilità, sempre nell’ambito del concetto di centro aperto e non istituto chiuso”.

 

E in questo principio operativo ci sono anche tre esempi che raccontano bene cosa sia l’OTAF. Uno è la fattoria di Origlio, che esiste da una dozzina d’anni. “Abbiamo tre operatori formati nel campo agricolo – spiega Roncoroni - che lavorano con una ventina di utenti. Le attività vanno dalla coltivazione di ortaggi all’apicoltura: oggi produciamo circa 15 quintali di miele all’anno, che vendiamo ai mercati ma che distribuiamo anche attraverso i negozi Migros. Senza dimenticare il pollaio, con ben 250 galline ovaiole che ogni giorno produce uova freschissime”.

 

Un’altra attività che negli ultimi anni ha preso piede è la gastronomia: “Abbiamo 5 laboratori sul territorio – dice il direttore -: si va dalla gestione della mensa prevalentemente self service al Centro studi di Trevano, alle cucine della scuola dell’infanzia di Comano, delle elementari di Massagno e del centro Atte di Lugano e di Caslano. Ognuno di questi laboratori ha un cuoco che coordina quattro o cinque nostri utenti che collaborano alla preparazione dei pasti”.

 

L’ultima iniziativa nel solco dell’apertura dell’OTAF alla società è la gestione dell’ufficio postale di Sorengo: “Nel novembre del 2016 il Municipio ci chiese una lettera di sostegno per evitare la chiusura dell’ufficio da parte della Posta. Risposi sostenendo la necessità di avere un ufficio postale a Sorengo, ma aggiunsi che saremmo anche stati disponibili a riprendere l’attività di agenzia postale. Così dal maggio scorso negli spazi del vecchio ufficio postale garantiamo i servizi in base alla convenzione firmata con la Posta. Ma non solo: vendiamo anche i nostri prodotti e vi abbiamo trasferito il laboratorio di grafica e di piccoli lavori di stamperia. E sa cosa? Il progetto funziona così bene che in questi mesi stiamo ampliando la superficie”.

TOP NEWS Salute e Sanità
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile