liberatv
TIPRESS
Secondo Me
07.05.23 - 12:060

"Tra pessimismo e realtà"

Matteo Quadranti: "Un'informazione più oggettiva e realistica del mondo in cui viviamo contribuirebbe dunque a formare nei cittadini una coscienza politica meno ideologica"

*Di Matteo Quadranti

Rispetto al 1980, l’estrema povertà nel mondo si è drasticamente ridotta a circa il 10% della popolazione. Nigeria, Cina e India sono oggi Paesi a medio reddito con esplosione demografica. Negli ultimi 100 anni il numero di morti per catastrofi naturali si è dimezzato. Inoltre, la mortalità infantile in Africa ha raggiunto il livello dell'Europa nel 1950.

Ma, secondo una ricerca del 2020 condotta dall'organizzazione no-profit svedese Gap-Minder, il 92% delle persone di alcune delle nazioni più ricche al mondo resta convinto che la povertà sia aumentata. Anche da noi la percezione è che il mondo sia allo sfascio. Le ragioni di questa falsa percezione della situazione globale (declinismo) sono diverse ma possono essere sintetizzate in ragioni storico-ideologiche, psicologiche e sociologiche, in particolare legate al funzionamento dei media e del giornalismo.

Il declinismo non è una tendenza nuova. Della corruzione della società moderna se ne parla da decenni. Questa critica alla modernità e al sistema liberale, ha influenzato sia la Destra che la Sinistra. Il declinismo è stato recentemente protagonista delle campagne elettorali di Trump (Make America Great Again) o per la Brexit (Tacking back Control) che avevano in comune la promessa di un ritorno a un periodo dell’oro. La tendenza a cercare rassicurazioni nel passato è un tratto tipico del funzionamento della psicologia umana.

Il giornalista Franklin Adams ha scritto che i bei vecchi tempi sono per lo più frutto di cattiva memoria. I mezzi d’informazione si sono adattati troppo bene a questi limiti cognitivi e quindi offrono al pubblico le informazioni in modo da innescare le reazioni emotive più violente e aumentare così il livello di coinvolgimento. Notizie negative, scandali e sensazionalismo non mancano quasi mai nelle news giornaliere. Pochi mezzi d’informazione s’interrogano sul loro ruolo e sulle enormi responsabilità che hanno nei confronti della società circa il modo in cui riportano le notizie.

Nella maggioranza dei casi i media sembrano preferire approcci retorici e narrativi più sexy rispetto a quelli scientifici basati su dati e informazioni. L'accuratezza e la precisione sono più importanti dell'indignazione. La propaganda politica ha spesso sostenuto il contrario, sfruttando ondate di indignazione per ottenere il consenso. Questa demagogia-basata su dati falsi ha condizionato scelte politiche e deviato l’attenzione da temi potenzialmente più significativi che, se risolti, avrebbero avuto un impatto maggiore sulla vita delle persone. Quando la propaganda politica comunica una minaccia perenne, la popolazione tende a fare scelte più conservatrici. Il fatalismo - direttamente collegato al declinismo - ha un costo.

Se pensiamo che i progressi che sono stati fatti nel mondo siano inutili o, peggio ancora, dannosi, saremo meno portati a
inventare soluzioni nuove e a migliorare ulteriormente la mostra condizione. Parte del successo del declinismo è spiegabile anche per il senso di deresponsabilizzazione che porta con sé: se una persona pensa che il mondo stia peggiorando si sentirà meno obbligata a fare-qualcosa per migliorarsi. Inoltre, i personali fallimenti e disagi risultano maggiormente tollerabili. «Non sono io a essere sbagliato, ma il mondo intero», si racconta il pessimista. Un'nformazione più oggettiva e realistica del mondo in cui viviamo contribuirebbe dunque a formare nei cittadini una coscienza politica più informata e meno ideologica, più orientata alla soluzione dei problemi che alla propaganda. Hans Rosling, medico e statista, nel suo testamento ideologico - che tratta proprio queste tematiche (Factfulness. Dieci ragioni per cui non capiamo il mondo e perché le cose vanno meglio di come pensiamo) – racconta come dati e statistica ci aiutano oggettivamente a capire e trovare soluzioni.

E d’altronde una conoscenza più oggettiva della realtà, se avessimo potuto applicarla in passato, ci avrebbe forse garantito conquiste ancora maggiori rispetto a quelle che vediamo oggi, magari risparmiandoci anni di inutili sofferenze e scelte politiche dannose. Una delle frasi che dovremmo abituarci a sentir dire dai giornalisti è: “Voglio vedere i dati».

*Deputato PLR

Resta connesso con Liberatv.ch: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
Potrebbe interessarti anche
Tags
TOP NEWS Opinioni
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile