liberatv
Politica e Potere
25.03.23 - 10:030

Scazzi a sinistra, Ay attacca il PS: "Caduta di stile". E il deputato Corti si schiera: "Hai ragione da vendere"

Il segretario politico del PC: "Legittimo mobilitare l'elettorato, un po' meno farlo sminuendo il lavoro degli altri". Il deputato PS: "Nulla giustifica un'uscita del genere"

BELLINZONA – A una settimana dalle elezioni Cantonali si accendono gli animi a sinistra. Il segretario politico del Partito Comunista Massimiliano Ay ha pubblicamente attaccato il PS su Facebook. "Mobilitare il proprio elettorato è assolutamente legittimo, un po’ meno farlo sminuendo il lavoro degli altri (quando poi si parla a vanvera di “unità della sinistra”). Nella newsletter odierna del Partito Socialista si invita esplicitamente a non sostenere i partiti minori, fra cui il Partito Comunista, “che ogni tanto hanno una certa sensibilità progressista su alcune tematiche”".

"Ogni tanto?? Ma scherziamo??!! Come se fossimo meteore che vanno e vengono, e come se gli elettori che danno fiducia alla lista 5 PC-POP non abbiano diritto anche loro ad essere rappresentati in parlamento… ripeto: capisco l’appello al serrare le fila, ma questa arroganza è una caduta di stile. Dire poi che votare PC-POP “indebolisce la sinistra” è anche un po’ offensivo. La sinistra popolare, anti-UE, che non invia armi ai paesi in guerra e che difende la neutralità accanto ai diritti del lavoro e al servizio pubblico c’è e si rafforza votando la lista 5 al Granconsiglio! Facciamolo anche per dare un segnale alla socialdemocrazia che crede di avere il monopolio del progresso! Meno altezzosità, compagni socialisti!", chiosa Ay.

Finita qui? No. Ad accendere ulteriormente la discussione è stato un post pubblicato dal deputato PS Nicola Corti, voluto intervenire sui social in quanto "sento la forte necessità di dissociarmi". "Caro Max – scrive Corti –, hai ragione da vendere e hai fatto bene a insorgere. Nulla giustifica un’uscita del genere, che non solo non andava né scritta né diffusa, ma francamente neppure pensata".

E ancora: "Non mi bastano le scuse che pur mi risultano esservi state porte: sento la forte necessità di dissociarmi.
Con te e con Lea si lavora anche nelle Commissioni parlamentari e si affrontano con rigore e preparazione anche gli inevitabili punti di divergenza. Ovvio che se la riduzione di seggi in Parlamento comporta anche la riduzione di posti nelle Commissioni, il danno è di area, non solo di Partito, ma è altrettanto ovvio che se non ci si sostiene adeguatamente cessa ogni margine di credibilità per una opposizione realmente costruttiva e si allontana sempre e ancora l’orizzonte di un cambio significativo dei rapporti di forza nell’emiciclo e fra la popolazione".

"Resta il fatto – conclude – che fra persone di buon intelletto la castroneria è un incidente di percorso che, anche se non deve, può capitare. Quando capita, giusto storcere la bocca e non lasciar correre".

Potrebbe interessarti anche
Tags
stile
corti
ps
sinistra
ragione
deputato
caduta
ay
po
lavoro
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile