liberatv
Politica e Potere
28.11.23 - 16:260
Aggiornamento: 02.12.23 - 16:03

Via libera della Gestione su sgravi e imposta di circolazione. Bignasca: "Cose concrete, non propaganda"

Intervista al capogruppo della Lega: "Sulla riforma fiscale i numeri in Gran Consiglio non sono garantiti. E su Marchesi..."

BELLINZONA - C’era grande attesa per la riunione odierna della Commissione della Gestione. I deputati dovevano decidere se portare in aula, nella sessione di dicembre, la riforma fiscale al centro di un duro dibattito, dentro e fuori Palazzo delle Orsoline. Proprio ieri era giunta sul tavolo della Commissione una lettera dell’Associazione dei comuni, sottoscritta anche dalle principali città. Uno scritto con il quale si contestano duramente i contenuti della riforma e si chiede uno stop. Invano. PLR, Lega e UDC hanno infatti deciso di andare avanti.

Boris Bignasca, cominciamo da un commento alla lettera dei comuni?
“Ci ha stupito perché quando è stato presentato il messaggio alcuni comuni hanno dato segnali positivi o comunque non negativi. Con quel messaggio l’aggravio per gli enti locali sarebbe stato di oltre 30 milioni. Con il rapporto sottoscritto oggi da PLR, UDC e Lega, il peso a carico dei comuni è inferiore, intorno ai 25 milioni. Il nostro stupore rispetto a quella lettera deriva anche dalla presenza in Gestione di due importanti municipali di Lugano e Locarno (Galeazzi e Pini, ndr.)”.

Appunto, quello che lascia basiti, visto da fuori, è la mancanza di comunicazione tra la Gestione e i comuni. Come è possibile che arrivi una lettera del genere a 5 minuti da mezzanotte, quando i rappresentanti in Gran Consiglio e nei Municipi appartengono agli stessi partiti? Non vi sentite al telefono?
“Il tema della comunicazione è sempre difficile, tanto più che tecnicamente vige la segretezza dei lavori commissionali, anche se in Ticino sembra non essere più così ultimamente. I dossier dovrebbero essere riservati fino alla firma, ma è vero che negli ultimi tempi non si comunica più tanto tra istituzioni, se non a mezzo stampa”.

Stupito che tra i sottoscrittori della lettera vi siano tutte le più importanti Città del Cantone?
“Sì”

Perché non avete tenuto conto di questa lettera e avete deciso di andare avanti?
“Non è vero che non ne abbiamo tenuto conto. Ne abbiamo tenuto talmente tanto conto che la riforma proposta dalla Gestione è meno invasiva verso i comuni della riforma originale del Governo”.

Ora riuscirete a superare lo scoglio del Gran Consiglio?
“Con la firma di PLR, Lega e UDC i numeri non sono garantiti, dipenderà tanto dalla posizione del Centro”.

Stupito che il Centro non sia sulla barca con voi?
“Un po’, fino a poche settimane fa sembrava che ci fossero….”

La domanda chiave di questi giorni su questo dossier è la seguente: come si tiene insieme una riforma fiscale che prevede anche degli sgravi ai ricchi, con un preventivo che prospetta dai tagli nel sociale, a cominciare da quello ai sussidi di cassa malati?
“Ogni dossier ha un suo percorso. Adesso abbiamo portato avanti il messaggio sulla riforma fiscale - ampiamente modificato rispetto alla proposta del Governo - che è semplicemente una compensazione a favore delle persone fisiche dell’aumento del moltiplicatore. Se riuscirà ad essere approvata dal Gran Consiglio, questa riforma potrà essere referendata e a quel punto il popolo deciderà”

Anche il Centro ha detto: non è il momento di affrontare questa riforma.
"Quando in Gestione si rimandano i temi si dice che non siamo capaci di decidere. Quando si decide, non è il momento”.

Sembra la canzone delle pietre….cambiando tema. La maggioranza della Gestione - Lega, PLR e Verdi - ha deciso di approvare la nuova formula dell’imposta di circolazione.
“La nuova formula proposta dal Governo ha raccolto più consensi che dissensi e quindi abbiamo approvato a maggioranza un rapporto. Per noi l’importante era che il montatane prelevato al cittadino non andasse oltre gli 80 milioni, che sono quelli decisi con l’ultima votazione. E così sarà, a differenza di quello che desiderava il Governo. Cose concrete e non propaganda”.

Non si può non notare come sia sia spaccato il fronte iniziativista su questo tema. Voi sostenete la proposta del Governo, mentre UDC e il Centro vi si oppongono.
“Devo dire che sono dispiaciuto di questa situazione, ma per noi era prioritario giungere a una soluzione stabile che non aumentasse il prelievo a carico dei cittadini”.

Ma perché non vi siete opposti come UDC e Centro?
“Per trovare una maggioranza in Parlamento e avere un formula stabile, senza più deroghe e proroghe”

Infine, una battuta sull’intervista di Piero Marchesi stamane sulla Regione, che ha invitato voi leghisti ad essere meno filogovernativi.
“Ho letto solo i titoli e non il contenuto dell’intervista. Non è mio compito commentare. Io sono solo un umile capogruppo. Toccherebbe a un eventuale coordinatore rispondere al presidente dell’UDC”.

AELLE

Potrebbe interessarti anche
Tags
imposta
comuni
gestione
sgravi
riforma fiscale
lega
gran consiglio
cose
riforma
propaganda
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile