liberatv
Cronaca
22.02.24 - 14:550
Aggiornamento: 23.02.24 - 15:50

"Uscire dall'isolamento è fondamentale". Non solo donne: le facce della violenza in Svizzera

Nel solo mese di gennaio si sono registrati nel nostro Paese tre femminicidi. Sebbene meno numerosi, però, sono anche gli uomini a essere vittime, negli ambiti familiari, scolastici, professionali. Il 143: "Parlarne è un primo passo"

BELLINZONA - Tre femminicidi nel solo mese di gennaio 2024, cui si aggiunge il corpo di una terza donna rinvenuto nel Reno, con vittime di età compresa tra i 27 e i 56 anni, 17 nel 2023, con 4 persone che sono sopravvissute fuggendo ai loro aggressori. Sono dati agghiaccianti che non provengono da realtà lontane bensì dalla Svizzera. Li riporta il Telefono Amico in un comunicato stampa, invitando a parlare quando si è vittime di violenza, per cercare un aiuto.

E nella nota l'organizzazione cerca di fare un quadro sociologico, smentendo alcuni miti. "La violenza non dipende dalla classe sociale e nemmeno dall'età. Sono le donne a esserne più colpite; se sono madri, sono coinvolti anche i figli e per loro proteggerli è essenziale. Oltre alla violenza fisica e psicologica, esiste anche la violenza sociale che isola la vittima dalle persone di riferimento come i familiari o gli amici e la violenza economica, che sottrae o impedisce l’accesso al denaro, oppure che si attua con il ricatto economico, ovvero il denaro in cambio dell’ubbidienza".

"È fondamentale uscire dall’isolamento e trovare qualcuno con cui condividere ciò che sta accadendo, cercando di superare la paura", prosegue il comunicato. È evidente che solo parlarne non risolve il problema, ma "confidarsi con qualcuno richiede coraggio, ma aver la possibilità di parlare aiuta e dà sollievo. Rivolgersi al Telefono Amico è un primo passo per condividere le proprie esperienze e, se necessario, acquisire la fiducia per agire concretamente. I volontari, se richiesto, possono dare informazioni e contatti per raggiungere altri servizi presenti sul territorio che possono fornire un aiuto effettivo e, in caso di urgenza, possono allertare i servizi di pronto intervento".

Non solo donne, però: "Sebbene non siano così numerose, le richieste di aiuto sono arrivate anche da uomini e da giovani che subiscono violenza psicologica e/o fisica nel contesto famigliare, scolastico e professionale".

Tramite il 143, "Telefono Amico si avvale di un’esperienza decennale, collabora dal 1997 con il Dipartimento della sanità e della socialità nell’ambito della Legge Federale concernente l’aiuto alle vittime di reati (LAV) e offre un servizio di ascolto continuo, 24h/24, 365 giorni all’anno e anche una consulenza chat a orari fissi (per gli orari di apertura consultare il sito https://www.143.ch/it/chat-svizzera-italiana/). In entrambi i casi vige l’assoluto rispetto dell'anonimato".

E nella nota l'organizzazione cerca di fare un quadro sociologico, smentendo alcuni miti. "La violenza non dipende dalla classe sociale e nemmeno dall'età. Sono le donne a esserne più colpite; se sono madri, sono coinvolti anche i figli e per loro proteggerli è essenziale. Oltre alla violenza fisica e psicologica, esiste anche la violenza sociale che isola la vittima dalle persone di riferimento come i familiari o gli amici e la violenza economica, che sottrae o impedisce l’accesso al denaro, oppure che si attua con il ricatto economico, ovvero il denaro in cambio dell’ubbidienza".

"È fondamentale uscire dall’isolamento e trovare qualcuno con cui condividere ciò che sta accadendo, cercando di superare la paura", prosegue il comunicato. È evidente che solo parlarne non risolve il problema, ma "confidarsi con qualcuno richiede coraggio, ma aver la possibilità di parlare aiuta e dà sollievo. Rivolgersi al Telefono Amico è un primo passo per condividere le proprie esperienze e, se necessario, acquisire la fiducia per agire concretamente. I volontari, se richiesto, possono dare informazioni e contatti per raggiungere altri servizi presenti sul territorio che possono fornire un aiuto effettivo e, in caso di urgenza, possono allertare i servizi di pronto intervento".

Non solo donne, però: "Sebbene non siano così numerose, le richieste di aiuto sono arrivate anche da uomini e da giovani che subiscono violenza psicologica e/o fisica nel contesto famigliare, scolastico e professionale".

Tramite il 143, "Telefono Amico si avvale di un’esperienza decennale, collabora dal 1997 con il Dipartimento della sanità e della socialità nell’ambito della Legge Federale concernente l’aiuto alle vittime di reati (LAV) e offre un servizio di ascolto continuo, 24h/24, 365 giorni all’anno e anche una consulenza chat a orari fissi (per gli orari di apertura consultare il sito https://www.143.ch/it/chat-svizzera-italiana/). In entrambi i casi vige l’assoluto rispetto dell'anonimato".

Resta connesso con Liberatv.ch: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
Tags
svizzera
vittime
isolamento
possono
donne
violenza
isola
aiuto
solo donne
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile