liberatv
Cronaca
22.12.23 - 12:270
Aggiornamento: 14:26

Polizia (e non solo) a ritmo di... Gotthard: Matteo Cocchi e Leo Leoni raccontano "Mayday"

Il comandante della Cantonale: "L'idea di questa clip è nata due anni fa al Lido di Caslano ed è diventata un progetto di respiro nazionale. Un omaggio a tutti i servizi di pronto intervento"

LUGANO – Si intitola Mayday il videoclip musicale d’auguri firmato dai Gotthard (CLICCA QUI), con tanto di Babbo Natale che va a fuoco mentre scende dal camino mentre il padrone di casa lo accende. Il gruppo rock più celebre della Svizzera ha voluto così rendere omaggio a tutte le donne e gli uomini degli enti di primo intervento: polizia, pompieri e soccorritori. E l’idea della clip è nata in Ticino, dall’incontro tra il comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi e il chitarrista dei Gotthard Leo Leoni.

“Siamo amici da ormai molti anni – racconta Matteo Cocchi a liberatv - e da un incontro estivo di due anni fa al Lido di Caslano è nata la volontà, sulla base di un video natalizio girato in Svezia, di realizzarne uno “nostrano”, inserendo nell’iniziativa gli enti di primo intervento cantonali. Il progetto si è poi, grazie all’ispirazione di Leo, evoluto prendendo respiro nazionale e ha visto infine coinvolti, oltre al Ticino, anche i Cantoni Vallese, Glarona, Grigioni e Berna”.

Grazie all’ottimo coordinamento intercantonale del tenente della Polizia Renato Pizolli, aggiunge il comandante, “si è dapprima riusciti a mobilitare uomini e mezzi da “mettere in campo”. La sapiente regia di Steve Diener ha poi permesso di girare le differenti scene del video nei vari Cantoni che hanno aderito al progetto. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di riconoscere l’impegnativo e importante lavoro, che rimane spesso dietro le quinte, svolto da poliziotti, soccorritori e pompieri a favore della nostra popolazione. Abbiamo cercato di farlo combinando in un filmato divertente un’azione congiunta degli enti di primo intervento nazionali con il ritmo del rock dei Gotthard per salvare Babbo Natale. Posso affermare che l’operazione è riuscita al cento per cento grazie a un risultato coinvolgente, divertente e di qualità”. 

A Leo Leoni abbiamo chiesto quando è stato scritto il brano e chi sono gli autori? “Il sottoscritto e Nic Maeder – risponde il musicista -. Il brano è stato abbozzato nel corso del 2022 per poi affinarlo quest’anno parallelamente alle numerose attività legate alla realizzazione di questo bellissimo progetto”.

Spesso si ritiene che il mondo del rock sia, per tradizione, “antagonista” alle forze dell’ordine. “Per quanto mi riguarda – risponde Leoni - non sono d’accordo con questa affermazione che sa tanto di cliché. La comprova è che una band come i Gitthard si è lanciata in un progetto con la Polizia cantonale ticinese, e non solo, visto il coinvolgimento di altri Cantoni svizzeri, con l’obiettivo di sottolineare l’importanza di chi ogni giorno si impegna per la nostra sicurezza e salute”.

Per concludere, una domanda sul 2024 del gruppo: “Con i CoreLeoni – afferma Leo Leoni - sarò sul palco da metà gennaio, mentre, per quanto riguarda i Gotthard, da febbraio saremo in studio per concludere il nuovo album”.

Resta connesso con Liberatv.ch: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
Potrebbe interessarti anche
Tags
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile