liberatv
Cronaca
19.01.23 - 09:470

Giuseppina, bidella pendolare da Napoli a Milano: “Il treno costa meno di una stanza in affitto”

In mancanza di soluzioni abitative a un prezzo sostenibile, tutti i giorni parte alle 5 per raggiungere il luogo di lavoro nel capoluogo lombardo, e rincasa la sera alle 23. “Ma mi sento fortunata. Ho la famiglia vicino e risparmio”

MILANO - Milletrecento chilometri e dieci ore di treno al giorno. Cinque giorni la settimana. Per raggiungere il posto di lavoro a Milano e rincasare, a fine giornata, a Napoli. È la vita di Giuseppina Giuliano, operatrice scolastica 29enne che da settembre lavora presso il liceo artistico milanese “Boccioni”. Assunta a tempo indeterminato, Giuseppina ha cercato casa nelle vicinanze della scuola, ma i prezzi nel capoluogo lombardo, anche solo per una stanza condivisa, sono proibitivi per il suo stipendio di 1.165 euro mensili. Con il treno, a suo dire, si risparmia: di qui la decisione di diventare pendolare. La giovane donna campana ha raccontato a “Il Giorno” la sua faticosa giornata e le motivazioni della sua scelta: “La sveglia suona ogni mattina alle tre e mezza. Alla stazione centrale, il treno Italo delle 5.09 mi porta a Milano in circa cinque ore. Prendo servizio alle 10.30 e stacco alle 17. Acquisto al volo una cena da consumare nel vagone e poi corro di nuovo in stazione, dove il Frecciarossa delle 18.20 mi riporta a Napoli alle 22.53, salvo ritardi". Una vita sicuramente sfibrante, e un notevole spirito di sacrificio, ma Giuseppina è serena e spiega razionalmente il motivo della sua scelta.

“Avevo provato a cercare una stanza, ma tra affitto, bollette e spesa avrei consumato tutto il mio stipendio se mi fossi trasferita a vivere al Nord, e molto probabilmente avrei anche dovuto chiedere alla mia famiglia di aiutarmi economicamente. Invece, continuando a vivere a Napoli, dove abito con i miei genitori, riesco anche ad avere dei risparmi. E a ritrovare, la sera, il calore della famiglia, perché dividendo una stanza - che a Milano costa non meno di 600 euro al mese - non avrei nemmeno avuto la possibilità di ospitare qualcuno. Inoltre, acquistando i biglietti in anticipo e accumulando punti viaggio che mi danno diritto a degli sconti, a fine mese per il treno spendo circa 400 euro”. Il risparmio c’è, dunque. E, almeno per ora, a Giuseppina va bene così. Fino a quando non troverà una soluzione più comoda e confacente alle sue esigenze.

Il caso di Giuseppina, a quanto pare non isolato, non ha lasciato indifferente l’Istituto scolastico dove la ragazza lavora. Parla Francesca Alparone, insegnante di discipline plastiche al liceo artistico Boccioni: "È sempre successo che dal Sud salissero al Nord per lavoro. Ma prima si trasferivano con la famiglia, perché uno stipendio bastava a mantenere tutti. Ora non è più così e i giovani che arrivano a Milano non riescono ad andare avanti. Perché si scontrano con un’economia e con costi completamente diversi da quelli cui sono abituati nel Meridione, dove la vita costa molto, molto meno".

Sono dunque molti i collaboratori scolastici in difficoltà per il carovita, e il personale docente si sta mobilitando per aiutare Giuseppina a trovare casa. “Tutti noi insegnanti stiamo aiutando Giuseppina a trovare un alloggio a prezzo accessibile - prosegue Alparone - Da settembre incrocia faticosamente le tariffe di Italo e Trenitalia per trovare le offerte sulla tratta dell'alta velocità, compra i biglietti in anticipo di mesi per spuntare i prezzi migliori, accumula i punti e i ticket omaggio. La stiamo accompagnando per uscire da questa situazione. Vale per lei e per altri collaboratori scolastici in difficoltà".


La storia della giovane partenopea solleva reazioni contrapposte. Da una parte, sicuramente è lodevole il suo spirito di sacrificio, ma dall’altra lascia molta amarezza e anche qualche perplessità circa le condizioni di lavoro proibitive che molti giovani sono costretti ad accettare, se non vogliono sopravvivere solo del reddito di cittadinanza. 

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
milano
stanza
treno
napoli
giuseppina
famiglia
affitto
costa meno
costa
lavoro
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile