liberatv
Cronaca
29.11.22 - 09:230
Aggiornamento: 09:58

La storia di Yuki, il cane intrappolato nell’auto dei padroni dopo la frana a Ischia

Voleva farsi sentire Yuki, sperando che qualcuno potesse salvarlo. “Si è rifugiato nell’unico posto familiare”. I suoi padroni sono morti travolti dal fango

ISCHIA – Yuki abbaiava forte. Voleva farsi sentire, sperando che qualcuno potesse venire a salvarlo. Urlava, Yuki, contro quel mondo al contrario dentro a una Toyota Yaris capovolta e ricoperta di fango, con i vetri rotti e senza via d’uscita. Siamo a Ischia, in questi giorni ricoperta di fango e detriti dopo la frana che ha anche causato morti e dispersi. Yuki abbaiava e ha continuato a farlo fino all’arrivo dei volontari della Protezione civile, che hanno provveduto a metterlo in salvo e assicurarsi delle sue condizioni.

Yuki era il cane di Giovanna e Maurizio, morti travolti dal fango insieme al figlio di sole tre settimane. L’auto dove si è rifugiato Yuki “è probabilmente quella dei suoi padroni”, dicono i soccorritori al Corriere della sera. L’animale si era intrufolato nella vettura nella notte tra domenica e lunedì approfittando del lunotto posteriore sfondato. All’arrivo dei soccorritori, Yuki si è mostrato aggressivo. “Probabilmente, senza né casa né padroni, voleva restare nell’unico luogo che sentiva familiare”. Per estrarlo dal veicolo accartocciato si è reso necessario l’intervento di un veterinario.

Una volta sedato, Yuki è stato portato in salvo e ha già trovato una famiglia pronta a regalargli una nuova vita. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
ischia
auto
yuki
fango
cane
padroni
frana
voleva
morti
salvarlo
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile