liberatv
Cronaca
14.08.22 - 16:350

Discriminati al bar e gavettoni per strada. Diego Baratti: "La nostra colpa? Essere UDC".

Il presidente dei giovani UDC racconta la disavventura vissuta sabato a Basilea. "Ci hanno detto che non servivano gente come noi"

BASILEA – Quello di ieri è stato un sabato indigesto per Diego Baratti e tanti altri giovani appartenenti al movimento giovanile dell’UDC. C’è dispiacere, rabbia e incredulità nelle parole di Baratti. “Una cosa così non mi era mai successa”, scrive su Facebook. Ma andiamo con ordine.

Baratti e soci erano a Basilea per prendere parte all’assemblea dei giovani UDC. “Una volta finita l’assemblea – racconta a Liberatv –, siamo andati in un bar a bere qualcosa sulle rive del Reno. Eravamo una ventina di persone. Dopo aver comandato, il barista riconosce uno di noi e chiede a quale gruppo apparteniamo”. Risposta scontata. Meno scontata la reazione che ha avuto il barista. “Ci ho detto di andarcene e che non ci avrebbe servito in quanto membri dell’UDC”. Ma non è finita qui.

“Più tardi, sempre a Basilea, camminando tranquillamente per la città, alcuni passanti ci riconoscono e ci hanno gettato dei gavettoni d’acqua. La nostra colpa? Essere UDC. Questa è la tolleranza che regna nelle città d’area rosso-verde. Non si può rimanere in silenzio davanti a questi fatti”.

“Io una società così non la voglio. Non mi sono mai permesso di aggredire qualcuno o di non parlare con qualcuno solo a causa del suo orientamento politico. È questa la tolleranza tanto paventata dalla sinistra?”.

Resta connesso con Liberatv.ch: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
Potrebbe interessarti anche
Tags
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile