liberatv
Cronaca
19.05.22 - 13:560

ATPdaiGP: "Consiglio di Stato, sul lupo della Val Rovana hai solo scaldato gli animi"

"Il DT giustifica il ritardo della decisione sull'abbattimento col tempo necessario a esaminare bene delle direttivee che risalgono a 18 anni fa", fa notare l'Associazione  per Protezione del Territorio dai Grandi Predatori

BELLINZONA - Un ritardo che ha solo esacerbato gli animi, senza in realtà introdurre dei veri elementi di novità, dato che le norme risalgono a quasi vent'anni fa. L'Associazione per Protezione del Territorio dai Grandi Predatori dice la sua in merito alla decisione del Governo di dare il via libera all'abbattimento del lupo in Val Rovana, aggiungendo anche una serie di considerazioni in merito a che cosa realmente si può fare per proteggere le greggi (ovvero, spesso nulla).

"Il concetto di proteggibilità era già contenuto nella Strategia lupo svizzera del 2004 ed è
stato ripreso nelle versioni seguenti, inclusa quella in vigore. Gli unici cambiamenti di sostanza in quell'Ordinanza riguardano il numero di capi che devono essere uccisi prima di poter intervenire. Sorprende quindi molto sentire il DT giustificare l'inaccettabile ritardo di questa decisione per il tempo necessario a esaminare bene delle direttive che risalgono a 18 anni fa. Il ritardo di tre settimane non ha aggiunto nulla se non la conferma, tramite DNA, che la strage del 26 aprile era dovuta a uno o più lupi, anche se non c'erano dubbi in proposito. Ha però esacerbato gli animi, suscitato polemiche e diminuito la possibilità di abbattere l'esemplare colpevole. Il Consiglio di Stato ha unicamente applicato una norma legale che altri cantoni, in particolare il Vallese e i Grigioni, già avevano adottato numerose volte in passato", spiega la nota.

Molti allevatori non hanno la possibilità concreta di proteggere i loro greggi. Gli appelli all'intervento, con l'abbattimento del lupo, deriva da lì. "Laddove era possibile, molti allevatori hanno adeguato la gestione dei loro animali, spesso peggiorando la qualità di vita degli stessi e sempre aumentando l’onere lavorativo e finanziario (chiusura notturna in stalla in autunno e primavera, recinzioni, cani da protezione)", prosegue infatti il comunicato.

Però "ci sono tuttavia molte realtà dove non si può fare nulla. In particolare molti alpeggi, ma anche sui maggenghi dove avviene il pascolo primaverile e autunnale, spesso impervi, piccoli, sassosi, invasi da vegetazione arbustiva, non si possono né tendere recinzioni né utilizzare cani da protezione. Non restano che due soluzioni: o arrischiare a mandare gli animali al pascolo, oppure smettere e abbandonare quei siti all'inselvatichimento. Quest' è purtroppo la scelta che diverse aziende hanno già adottato, e saranno seguite da altre, visto che i lupi spuntano come funghi". Una triste realtà per gli agricoltori, e va precisato come negli ultimi tre giorni gli allevatori hanno ricevuto quattro allarmi per altrettanti avvistamenti di lupi in distinte
località: Val Resa sopra Brione, Valle di Vergeletto, Campo Valmaggia, e Predelp (Faido).

Le misure bastano? Per APTdaiGP non sempre. "Da aggiungere che anche laddove sono state messe in atto misure di protezione, gli attacchi non si azzerano, anzi. Il lupo che il Consiglio di Stato vallesano ha deciso di abbattere l’altro ieri aveva predato 28 animali“protetti secondo le regole federali ! Durante la scorsa estate in Ticino la maggior parte delle pedazioni è avvenuta su greggi protetti in Alta Valle di Blenio e in Val Bedretto. La diminuzione del numero di lupi presenti con abbattimenti preventivi è l’unica possibilità che resta alle autorità se si vuole evitare la fine dell’allevamento ovicaprino tradizionale di montagna. Se poi la tecnologia permetterà di concretizzare nuovi metodi per tener lontani i lupi dalle greggi e dagli abitati, gli allevatori saranno senz’altro disposti a fare la loro parte. L’aumento esponenziale degli ultimi anni, gli avvistamenti anche nelle zone abitate e le predazioni degli ultimi mesi hanno reso coscienti sia le autorità sia la popolazione che non si può più tergiversare (vedi dichiarazioni dei Consiglieri di stato grigionesi e vallesani; vedi atti depositati alle Camere federali)".

Potrebbe interessarti anche
Tags
val rovana
protezione
ritardo
val
stato
anni
animi
rovana
consiglio
lupo
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile