liberatv
TIPRESS
Cronaca
11.08.21 - 10:540

Il Cardiocentro: "Aggrappati a un filo di speranza che si sta spegnendo"

La direzione del Cardiocentro: "Siamo davanti a un'operazione di salvataggio. Non sappiamo fino a che punto le macchine supporteranno Borradori"

LUGANO – La direzione sanitaria del Cardiocentro si è riunita per aggiornare media e popolazione circa le condizioni di Marco Borradori, vittima di un arresto cardiaco nella mattinata di ieri. Di seguito la cronaca della conferenza:

Tiziano Cassina:"È arrivato ieri dopo un arresto cardiaco successo durante un'attività sportiva. Si tratta di un arresto non testimoniato: vuol dire che non ci si è accorti di quando è successo. Da lì parte una corsa contro il tempo che è continuato nelle sue fasi. La tempistica crea una difficoltà al sangue nell'arrivare agli organi. Borradori è arrivato al Cardiocentro e qui è iniziata la tappa della diagnosi. Siamo davanti a un'operazione di salvataggio. Ci sono due possibilità: un recupero da parte degli organi danneggiati, oppure si va verso una situazione in cui il danno non è recuperabile. La situazione attuale ci confronta con un caso simile. È una fase difficile e non sappiamo fino a che punto la macchina potrà supportare l'onorevole Borradori. Con il passare del tempo, la speranza diminuisce. Siamo aggrappati a un filo di speranza che si sta spegnendo. A un certo punto non sarà più possibile tenerlo attaccato alla macchina. Ci sarà un momento in cui saremo obbligati a staccare la macchina. Quanto tempo? Entriamo in una fase di incertezza. Appena avremo informazioni ve le faremo sapere".

 

Giovanni Pedrazzini "È importante sottolineare che è arrivato al Cardio dopo circa un'ora di rianimazione meccanica. È arrivato da noi sotto massaggio cardiaco. Non abbiamo mai avuto evidenzia che il suo cuore funzionasse. Alla coronografia eseguita sotto messaggio cardiaco si è visto che c'era un problema coronarico. Quando è arrivato da noi, il quadro cardiaco era già estremamente avanzato, con il cuore praticamente fermo. È il quadro clinico che decide la situazione".

Stefano Demertzis: "La macchina che tiene in vita Borradori ha la funzione di sostituire cuore e polmoni per fornire al corpo il sangue necessario. È un sistema di corto-medio termine che riesce a darci il tempo di approfondire la diagnostica e portare un paziente fuori da questa situazione".

Resta connesso con Liberatv.ch: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
Potrebbe interessarti anche
Tags
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2024 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile