liberatv
Quarto Potere
09.09.21 - 14:540

Fluttuazioni naturali e prepensionamenti salverebbero circa 30 posti alla RSI: rimangono 6 posti a tempo pieno in esubero

Il sindacato SSM applaude l'impegno della nuova direzione per evitare tagli e loda il lavoro della Commissione della Consultazione. "Ma non si potrà andare avanti all'infinito a imporre piano di risparmio"

COMANO - A quanto pare, la scure dei tagli alla RSI taglierà, forse, 6 posti di lavoro. È quel che emerge da una nota della Commissione di Consultazione dell'azienda: "Grazie alle fluttuazioni naturali e ai prepensionamenti, buona parte di questa somma è già rientrata. Tuttavia, sul tavolo rimangono ancora 6 esuberi. La Consultazione del personale si adopererà per proporre, dove è possibile, ulteriori economie e salvare tutti i posti di lavoro", si legge infatti.

Tira un sospiro di sollievo ma non abbassa la guardia il sindacato SSM di Lugano. "La mazzata che si temeva non è fortunatamente arrivata ma la riduzione di personale, tanto o poco che sia, si conferma e si confermerà anche in futuro", scrive in una nota.

E vengono dati meriti alla nuova direzione della RSI: "Bisogna riconoscere che la nuova direzione RSI, in questi primi mesi di attività non si è risparmiata. Ha cercato in tutti i modi, anche grazie agli incentivi SSR, che hanno favorito diversi prepensionamenti, di ridurre al minimo gli effetti più negativi della “manovra” da 8 milioni prevista entro la fine del prossimo anno. Sul tavolo rimangono ancora da gestire 6 esuberi a tempo pieno (FTE) ma che si spera, anche grazie ai suggerimenti che sicuramente arriveranno dalla “Consultazione del personale”, di trovare i mezzi per scongiurare qualsiasi licenziamento. Ricordiamo che nel 2018, fu proprio grazie alla Consultazione che si riuscì a salvare 6/7 posti di lavoro".

Per provare a salvare ulteriori impieghi, anche in futuro, è attualmente in discussione tra SSR e SSM una misura che assicurerà, anche a coloro che dovessero ridurre il loro tempo di lavoro, la piena copertura pensionistica a fine carriera, (a 64 anni per le donne e rispettivamente a 65
anni per gli uomini).

Per il sindacato però ci si deve interrogare sulla RSI del futuro. "Ciò che continua a mancare è un piano industriale dell’azienda. Non si potrà andare avanti all'infinito a imporre piani di risparmio. La RSI deve finalmente decidere, e in fretta, cosa vuole diventare da qui ai prossimi anni. Quali programmi, con quali risorse, per quale pubblico?".

TOP NEWS Quarto Potere
News e approfondimenti Ticino
© 2021 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile