liberatv
rubriche
Quarto Potere
11 ore

L'ultima picconata di Feltri: “Gli immigrati che arrivano qui a frotte non fuggono da guerre inesistenti"

Il direttore di Libero replica a un'opinione del giurista Sabino Cassese e difende Salvini: "È l'unico politico in sintonia con i connazionali ostili alle invasioni barbariche"

Quarto Potere
2 mesi

Media in crisi, Giacomo Salvioni: "Situazione difficile ma non ancora drammatica. Stato e inserzionisti ci sostengano. Ma no alla guerra dei prezzi"

Il presidente di Stampa Svizzera: "La pubblicità è calata anche a causa della grande offerta dei big player: inserzioni che costano poco ma che rendono anche poco. Poca spesa poca resa, come dice il proverbio”

Quarto Potere
7 mesi

Occhio, arriva il nuovo canone radiotelevisivo: ecco tutte le istruzioni

Aziende e persone: quanto costerà? A chi si paga? Quando arriverà la fattura? Tutte le risposte dell'UFCOM

Quarto Potere
7 mesi

"Caro Pontiggia, ma come fa a ospitare in casa sua la Lega e la Chiesa?"

Un lettore stuzzica il direttore del CdT: "Non si sacrifica la linea editoriale per mero interesse economico". E Pontiggia gli risponde...

Quarto Potere
9 mesi

Lorenzo Mammone presenta "Data land": un viaggio nel mondo dei big data e dell'intelligenza artificiale

Intervista al giornalista della RSI che, questa sera, condurrà la trasmissione in diretta nazionale. "La nostra società ha una visione dell'intelligenza artificiale da film di fantascienza, ma la realtà è un'altra..."

Quarto Potere
9 mesi

“Possibile che tra tutto il personale della RSI non vi fosse nessuno capace di assumere quel compito?”

Il sindacato svizzero dei massmedia polemico contro i vertici della radiotelevisione pubblica per la mancata nomina del nuovo capo del Dipartimento "Cultura e società"

Quarto Potere
9 mesi

RSI: salta la nomina del capo del nuovo Dipartimento cultura e intrattenimento. Annullato il concorso

Maurizio Canetta e la CORSI non hanno trovato il profilo adatto a ricoprire l'importante incarico. Ora si procederà con una ricerca mirata

Quarto Potere
9 mesi

Matteo Pelli, Facebook addio (o quasi): "Ormai è come un bar di quartiere la domenica mattina: vuoto"

Il direttore di Teleticino, tra i ticinesi con maggior seguito sui social, fa il funerale a quello creato da Mark Zuckerberg: "Una volta vedevi quello che ti piaceva davvero, ora sceglie per te l'algoritmo. E sceglie male"

Quarto Potere
10 mesi

Foa presidente RAI, l'audizione in Commissione vigilanza. Il PD: "Propagatore di fake news". Lui scarica i falsi scoop del Corriere su Pontiggia

L'ex amministratore delegato del gruppo Corriere: “La mia battaglia personale per tanti anni è stata a favore di un’informazione libera e trasparente"

Quarto Potere
11 mesi

Patti Chiari chiede a Visintin di giudicare i ristoranti ticinesi, Quadri si infuria e la polemica è servita!

Al municipale leghista è andata di traverso la scelta della RSI di coinvolgere il critico mascherato del Corriere della Sera

Quarto Potere
1 anno

"Vita e morte del Giornale del Popolo". Armando Dadò ripercorre la storia gloriosa e la drammatica fine del quotidiano cattolico: "Ecco perché hanno chiuso"

L'editoriale dell'ultimo numero della rivista Il Ceresio: "Essendo il GdP di proprietà della diocesi, l’editore di fatto è il vescovo. Ma il vescovo, salvo casi particolari, non è un editore...."

Quarto Potere
1 anno

Ma che sta succedendo con gli ascolti di Rete Uno? Un dato controverso (-9%) scuote la rete ammiraglia della RSI. L'azienda: "Impossibile fare raffronti"

Una perdita di ascolti troppo grande per essere vera, commentano diversi addetti ai lavori che abbiamo interpellato confidenzialmente per un confronto. Ma nessuno ci mette la mano sul fuoco...

Quarto Potere
1 anno

Liberatv e Ticinolibero passano sulla piattaforma di Tio. Giorgetti: "Rafforzare la pluralità dell'informazione online". Bazzi: "Un piccolo patto del Grütli"

I nuovi siti saranno online dal 16 luglio. Liberatv.ch e Ticinolibero.ch entrano anche a far parte della piattaforma ADBreak.ch per la vendita e la pianificazione pubblicitaria, dando così vita a una importante combinazione regionale online

Quarto Potere
1 anno

Le preoccupazioni del sindacato, "RSI, i dipendenti hanno diritto a una consultazione prima che si proceda coi tagli"

Il Sindacato Svizzero dei mass Media è preoccupato dopo l'annuncio del Piano R e delle conseguenti misure di risparmio, che in Ticino significano 40 posti in meno. "Vigileremo anche sul personale impiegato tramite ditte esterne. Con meno gente e le stesse trasmissioni, aumenterà la pressione"

Quarto Potere
1 anno

Colpo di scena a "60 Minuti", il professor Barone Adesi lascia lo studio inviperito con Reto Ceschi: "Io me ne vado". E se ne va davvero!

Il tema della trasmissione era le trattative tra la Svizzera e Bruxelles. L’episodio è accaduto attorno al 23esimo minuto, quando Ceschi ha chiesto al professore dell'USI se la Svizzera sa trattare con l’Unione Europea. VIDEO

Quarto Potere
1 anno

No Billag, tre mesi dopo. Cosa è cambiato? "L'unica leva che può spingere la SSR a ridimensionarsi è tagliare i fondi". E si vuole il canone a 200 franchi

Il Mattino ha interpellato diversi esponenti (tutti pro No Billag, va detto) che non vedono modifiche, nonostante le promesse, a tre mesi dallo storico voto. "Se aspettiamo la dirigenza per trovare soluzioni, di tempo ne passerebbe e non poco", sospira Robbiani, concorde con Bühler sul canone. E Tuto Rossi...

Quarto Potere
1 anno

Da domani, non verrà più aggiornato nemmeno il sito del Giornale del Popolo. "Non percepiremo più lo stipendio e essendo in disoccupazione non potremo per motivi legali"

I dipendenti del giornale spiegano con una nota come mai da domani, ovvero dal 1o giugno, data in cui entreranno in disoccupazione, non potranno neppure proseguire gli aggiornamenti web che sinora avevano garantito. "Ci auguriamo che anche questo non sia un addio ma un arrivederci"

TOP NEWS
Quarto Potere
1 anno

"Comano fa rima con Romano", Herber replica al PLR: "Nessun favoritismo. Le sensibilità in campagna sono acute, le percezioni soggettive". E Nava: "Quell'intervista a 10 giorni da voto andava evitata"

Botta e risposta su Opinione Liberale tra il coordinatore del Quotidiano della RSI e il direttore del settimanale

Quarto Potere
1 anno

Contrordine compagni! Il Giornale del Popolo uscirà anche sabato, e forse nei giorni a venire. Lo annuncia il sindacato OCST, che non risparmia critiche al Vescovo: "Sorpresi per la posizione dell’Editore lo richiamiamo al dovere della responsabilità soci

È stata la classica palla al balzo. Sicuramente per mancanza di soldi, nessuno lo dubita: il vescovo Lezzeri ha dichiarato che la Curia ha dovuto rinunciare a un piano sociale per la trentina di dipendenti del Giornale del Popolo perché altrimenti avrebbe dovuto portare i bilanci in Pretura. Quelli della Curia, non quelli del Giornale! Ma forse la decisione comunicata oggi, il fallimento del quotidiano, è anche frutto di una mancanza di forza, o di forza di volontà

Quarto Potere
1 anno

Il No a No Billag negli editoriali. Le riflessioni di Pontiggia, Caratti e Zumthor. Il direttore del Corriere: “Con un risultato così, l’auspicato bagno di umiltà della SSR rischia di essere fatto nello champagne”

All’indomani dallo schiacciante verdetto che ha bocciato nettamente l’iniziativa popolare volta ad abolire il canone radiotelevisivo, sulle prime pagine dei quotidiani ticinesi si sono espressi i rispettivi direttori esponendo pensieri e opinioni

Quarto Potere
1 anno

No a NO Billag, Maurizio Canetta dopo la vittoria fa il bilancio di una campagna infinita e durissima: "In questi mesi ho imparato ad ascoltare. E agli elettori che hanno votato SI dico: fidatevi di noi, manterremo gli impegni"

Intervista al direttore della RSI: "Al termine di questa campagna, a livello emozionale, mi rimane il coinvolgimento dei colleghi e di tutte le persone che fuori dall’azienda si sono spese a difesa di un’ideale, quello del servizio pubblico, in maniera del tutto disinteressata”

Quarto Potere
1 anno

"E ora risparmi e riforme". Gilles Marchand dopo la vittoria contro No Billag mette nero su bianco la lista delle promesse che intende mantenere nei prossimi mesi: da un maggiore spazio per i privati alla pubblicità

Il direttore generale dell'SSR non perde tempo e, dopo la grande vittoria sull'iniziativa che mirava ad abolire il canone, prende una serie di importanti impegni vincolanti: ecco quali

Quarto Potere
1 anno

No Billag, meno una settimana. Il Ticino (e il Mattino) fanno il record di annunci a favore

La campagna elettorale è stata particolarmente sentita, prova ne è che il numero di annunci pubblicati sono stati maggiori rispetto alla media delle altre campagne nazionali. Se in Svizzera Tedesca prevalgono i contrari, essi sono in maggioranza schiacciante in Grigioni e Romandia. Da noi...

Quarto Potere
1 anno

Il sondaggio della gsf su No Billag anticipato da Liberatv, la presunta violazione dell'embargo e le accuse via social di scorrettezza professionale alla nostra testata da parte di alcuni giornalisti della RSI. Una polemica senza senso

Siamo stati accusati da alcuni giornalisti della radiotelevisione pubblica di scorrettezza, scarsa professionalità e di agire in modo vergognoso (addirittura!). Ma abbiamo trattato questa notizia nello stesso identico modo con cui trattiamo tutte le altre

Quarto Potere
1 anno

Cronache dalla tana del Guinness! Ecco il dietro le quinte del primo reality show ticinese dagli studi di Radio3i e Teleticino. Matteo Pelli ci fa da Cicerone e svela i retroscena: "Così è nata l'idea". I Blues Brothers ai lettori di Liberatv: "Aiutateci

Il direttore della radio e della tv di Melide ci ha aperto le porte portandoci fin dentro lo studio dove Michael Casanova e Maxi B stanno rincorrendo le 100 ore di diretta consecutive. Le foto e le videointerviste ai protagonisti dell'impresa.

Quarto Potere
1 anno

No Billag: è polemica dopo l'ultimo dibattito della RSI. Il fronte del "sì" all'attacco. Quadri: "Trasmissione indecorosa e di parte: mai partecipato a un programma condotto così:". Bühler: "Peggio del previsto: veramente deluso". Reto Ceschi respinge l

Forti contestazioni da parte dei favorevoli all'iniziativa per il modo con cui è stato condotto il confronto: "Sarebbe stato meno parziale se anche i giornalisti si fossero seduti accanto ai sostenitori del “no” ". Il direttore dell'informazione della RSI ribatte: "Il fronte del "sì" ha parlato di più di quello del "no". E abbiamo puntualizzato sui fatti e non sulle opinioni, che sono libere ovviamente"

Quarto Potere
1 anno

Video satirico contro No Billag, la precisazione del Comitato: "Non lo abbiamo commissionato noi. E nel frattempo lo abbiamo rimosso dai nostri canali"

Il Comitato presieduto dai senatori Abate e Lomabrdi prende posizione dopo le polemiche scoppiate sullo spot: "Il video è stato prodotto nelle tre lingue nazionali e dal gruppo svizzero di cineasti e registi contro No Billag"

Quarto Potere
1 anno

No Billag. Un'anziana chiama i soccorsi perché intrappolata nelle fiamme in casa sua. Ma i pompieri le rispondono: "Da quando è passata l'iniziativa si paga per gli incendi". E la signora non fa in tempo a sottoscrivere un abbonamento....

Fa discutere un filmato satirico pubblicato sulla pagina del comitato "No Billag-No Svizzera" che si batte contro l'abolizione del canone. GUARDA IL VIDEO

Quarto Potere
1 anno

No Billag, l'affondo di Battista Ghiggia contro Comano e la RSI: "È un’oasi protetta, dove nonostante le intemperie dell’economia il tempo è sempre bello, dove i soldi arrivano sempre in abbondanza"

Secondo l’ex candidato al Senato, in caso di approvazione, “non ci sarà nessuna catastrofe perché”, spiega, “il tutto è perfettamente pianificabile e non ci sarà nessuno che spegne la luce di colpo. Il catastrofismo dei contrari su questo punto è fuorviante”

Quarto Potere
1 anno

Il sondaggio della SSR seppellisce "No Billag". L'iniziativa che chiede di abolire il canone respinta dal 60% dei votanti, dato che in Ticino sale al 65%. Solo tra gli UDC la maggioranza è favorevole. Ma anche il 51% dei giovani dice no ai finanziamenti p

Tramontano le speranze per l’iniziativa "No Billag", che secondo il sondaggio pubblicato oggi dalla SSR verrebbe bocciata con il 60% dei voti. L’inchiesta sul voto del 4 marzo, che conferma le recenti previsioni, è stata realizzata dall'istituto gfs.bern per conto della SSR

Quarto Potere
1 anno

Guardiacaccia: la polemica non è finita! La Federazione dei cacciatori presenta un reclamo al Mediatore contro la serie tv della RSI: "Atto dovuto. Da Canetta risposta insoddisfacente e niente scuse alla nostra categoria"

I cacciatori ticinesi, dopo la dura lettera del presidente Fabio Regazzi al direttore della RSI, ha deciso di andare fino in fondo: "Pur trattandosi di una fiction, la trasmissione è stata espressamente e ampiamente promossa come ispirata a fatti veri, come rappresentativa del mondo della caccia e addirittura quale spunto di riflessione su sensibilità e opinioni diverse, travisando invece grossolanamente la realtà e veicolando un messaggio univoco, ovvero che caccia e bracconaggio siano sinonimi"

Quarto Potere
1 anno

No Billag, Gilles Marchand scrive una lettera a tutti i dipendenti della SSR: "Non c’è nessun piano B ma c’è un piano R (come Riforme). A patto che l’iniziativa venga bocciata". E fissa quattro paletti per il futuro della radiotelevisione pubblica: "Dobbi

Il direttore della SSR fa il punto della situazione in una lettera ai collaboratori: "Le teorie degli iniziativisti sono castelli in aria: un Sì alla No Billag comporterà la scomparsa dell'azienda. Ma se vince il No dopo il 4 marzo sarà necessario intraprendere un vero cambiamento. Ecco come"

Quarto Potere
1 anno

No Billag, un nuovo sondaggio ribalta le previsioni: l'iniziativa che vuole abolire il canone radiotelevisivo verrebbe respinta dal 59% degli elettori. In Ticino i contrari sarebbero il 58%

"No Billag" conta i maggiori sostenitori tra i simpatizzanti dell'UDC (73%), ma non fa breccia è nella maggioranza di chi si dichiara vicino ad altri partiti. Il "no" alla modifica costituzionale raggiunge il 63% nella Svizzera romanda, il 57% nella Svizzera tedesca e il 58% nella Svizzera italiana

Quarto Potere
1 anno

I direttori della SSR guadagnano tra i 270 e i 420'000 franchi all'anno. Salari equi o eccessivi? Ma il vero problema è la trasparenza. Luigi Pedrazzini: "Alcuni passi sono stati fatti, ma credo che in futuro ci sarà più chiarezza, sul piano nazionale e r

Un tema delicato, perché è di quelli che toccano la pancia dell’opinione pubblica, soprattutto in un momento in cui per molta gente arrivare alla fine del mese è un’impresa costante. E se ci si chiede di pagare 450 franchi all’anno di canone, la contropartita deve essere almeno la trasparenza su costi e salari

Quarto Potere
1 anno

No Billag: che scintille tra Abate e Bühler! Il senatore PLR all'esponente UDC: "Ma non si vergogna di propugnare qui in Ticino le idee di quattro svizzeri tedeschi?". La replica: "Per nulla: difendo la libertà di scelta"

Coda polemica ieri in coda al prima dibattito della RSI dedicato all'iniziativa che mira all'abolizione del canone. GUARDA IL VIDEO

Quarto Potere
1 anno

"Politicamente scorretto": quello che ha funzionato e quello che no della prima puntata della trasmissione di Nicolò Casolini. Bene tempi e verve nella conduzione, ma troppi orpelli. Ottimi gli ascolti dell'esordio

L’idea è buona, il risultato apprezzabile, ma bisogna lavorarci, come è del tutto normale per una nuova trasmissione. E fortunatamente ci sono il tempo, le risorse e le qualità per farlo. Oltre che la tranquillità fornita dai dati d’ascolto che consente di correggere con scelte non dettate dall’ansia da prestazione (ma non intervenire cullandosi nel riscontro del pubblico sarebbe un peccato capitale…)

Quarto Potere
1 anno

"No Billag Piano B = Non funziona". Maurizio Canetta contesta le soluzioni alternative alla chiusura della RSI in caso di sì all'iniziativa: "Solo aste e licenziamenti"

Il direttore della RSI interviene su Facebook facendo le pulci alle proposte dei promotori della No Billag: " Non ci sono piani B possibili, non ci sono alternative. Si deve scegliere tra un sistema che funziona e un salto nel vuoto"

Quarto Potere
1 anno

E sui contratti tra la RSI e le aziende private spunta la clausola di salvaguardia No Billag. Ecco un documento riservato con le cifre che la radiotelevisione versa nell’economia: dalla grafica alle pulizie degli stabili

Da qualche settimana in redazione sono giunte segnalazioni di aziende preoccupate. In particolare per via di una clausola di salvaguardia legata all’iniziativa, apposta sia nel rinnovo che nei nuovi contratti

Quarto Potere
1 anno

No Billag, sfogo social di Matteo Pelli: "Se dico no è no". Il direttore di Teleticino risponde alle polemiche: "Ognuno “usa a suo piacimento” quello che è piuttosto chiaro. Non sembra finire più questo periodo..."

Il conduttore torna a parlare dell'iniziativa che punta all'abolizione del canone: "Non so se sono deluso o semplicemente amareggiato, non so se le strumentalizzazioni e i vari attacchi che leggo sui blog (e dintorni) fanno davvero parte di quel cantone che adoro, o se semplicemente “diventando grandi” è normale che questo accada"

Quarto Potere
1 anno

Maurizio Canetta celebra i dati di ascolto della RSI nel 2017 e punzecchia Lorenzo Quadri: "Il dinosauro RSI che i No Billag vorrebbero cancellare, fa il 35 per cento di ascolto in prima serata. Facciamo felice il pubblico"

Il direttore della RSI esulta per i risultati della radiotelevisione pubblica e dà qualche pizzicotto polemico al direttore del Mattino: "Quando vedo gli occhi felici del pubblico, sono felice perché collaboratori e collaboratrici della RSI hanno contribuito a dare un lampo di felicità alla gente. Anche questo è un compito del servizio pubblico. I promotori della No Billag vogliono cancellare questa felicità"

Quarto Potere
1 anno

No Billag. Quadri: "Paghiamo il canone più caro d'Europa per avere una tv di parte e pro immigrati". Canetta legge un articolo di Giuliano Bignasca. Lombardi: "Non ci si cura il mal di testa con la ghigliottina". Bühler: "Dire che se vince l'iniziativa ch

Questa sera su Teleticino è andato in onda il primo confronto televisivo tra favorevoli e contrari alla No Billag. Sull'eventuale chiusura della SSR e sul piano b dialogo fra sordi. E tra Canetta e Quadri solo qualche piccola scintilla: peccato...

Quarto Potere
1 anno

I sostenitori della No Billag andranno ai dibattiti radiotelevisivi della RSI (ma non a quelli organizzati dai partiti). Intanto stasera primo mega confronto su Teleticino: Canetta-Lombardi vs Quadri-Bühler

Domani il Comitato si presenterà tramite un comunicato stampa dove verranno resi noti i membri e le motivazioni a sostegno del sì. I fautori dell’iniziativa puntano molto sul “piano b” presentato ieri dall’Unione arti e mestieri (USAM)

Quarto Potere
1 anno

'No Billag', Fonio: "Vogliamo ridiscutere il ruolo della SSR? Proporre nuovi modi di finanziamento? Stabilire degli spazi per i privati? Facciamolo, ma non questa iniziativa che aumenterebbe i disoccupati del 25%"

Il sindacalista e deputato PPD: "Anche da un punto di vista sindacale la stessa RSI non è esente da difetti, a partire dai numerosi posti a tempo parziale e/o determinato che sfiorano il precariato. Certamente la gestione aziendale può essere ulteriormente migliorata. Ma questa iniziativa vuole aumentare del 25% i disoccupati in Ticino"

Quarto Potere
1 anno

No Billag, parla Marcello Foa: "Siamo contrari all'iniziativa. Con la RSI condividiamo l'obbiettivo, ma non la campagna catastrofista. Comunque vada il 4 marzo Teleticino e Radio 3i andranno avanti. Se si votasse oggi in Ticino potrebbe vincere il sì. Ma

Intervista esclusiva al CEO del Gruppo del Corriere del Ticino che si esprime per la prima volta sulla votazione che mira ad abolire il canone: "Una rete tv pubblica fedele alla propria missione è un elemento prezioso per la democrazia. Noi megafono del centrodestra? Tutte invenzioni. Spero che Marchand non sia stato nominato troppo tardi. I derby di hockey "regalati" da UPC? Falso. E dai dipendenti della RSI reazione delirante...."

Quarto Potere
1 anno

No Billag: un disservizio pubblico. Il dibattito che c'è nel Paese ma che viene ignorato e silenziato dalle emittenti che beneficiano del canone (RSI e Teleticino). Una scelta incomprensibile e diversa rispetto al resto della Svizzera

Il dibattito sulla No Billag, da un paio di mesi, è molto acceso sui social, sui siti e, in parte, anche sui giornali. Sulle radio e sulle televisioni che invece beneficiano dell’oggetto del contendere, il canone, non esiste. O per meglio dire esiste soltanto come noioso e doveroso oggetto di cronaca

Quarto Potere
1 anno

"Il Guardiacaccia", i cacciatori e la RSI: Maurizio Canetta risponderà privatamente alla lettera di fuoco della Federazione contro la serie tv. "No comment" anche dal presidente della CORSI Luigi Pedrazzini

Capitolo costi. La Federazione dei cacciatori ha scritto a Maurizio Canetta che sarebbe interessante conoscere la spesa sostenuta dalla RSI per realizzare il prodotto. Da Comano, a livello ufficioso, si limitano a far filtrare che la produzione è costata la metà di quanto normalmente costa una serie televisiva della SSR. Ma niente cifre

Quarto Potere
1 anno

Il Quotidiano dietro le quinte. Viaggio lungo un giorno nella redazione del Tg regionale della RSI tra lavoro, umori e confidenze. Herber: "Il dibattito sulla No Billag uno sprone e un bagno di umiltà che può farci bene. Ma bisogna essere chiari sulle con

Abbiamo trascorso un'intera giornata insieme ai giornalisti della trasmissione più seguita della radiotelevisione pubblica. Ecco come lavorano e cosa ci hanno raccontato. Il responsabile dell'informazione regionale dice la sua anche sulle ultime polemiche: "Pagarci il canone? Disponibile da subito. E c'è chi sta raccogliendo le firme per chiederlo...."

Quarto Potere
1 anno

"No Billag: una bomba nelle mani di ogni ticinese!". Il Sindacato dei mass media in difesa dei dipendenti RSI: "Ma quali privilegi? Orari irregolari, burn out, stress, mobbing, problemi con il management, contratti precari... Questa è la realtà". E sull'e

Alla RSI le collaboratrici e i collaboratori sono confrontati con quelli che sono oggi i problemi di tutti: orari irregolari, ore supplementari, peggioramento delle condizioni di lavoro, richieste sempre maggiori di flessibilità, burn out, stress, fenomeni di mobbing, problemi con il management aziendale, contratti precari...

News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile