liberatv
Mixer
08.07.20 - 11:080

Nell'era dei social, uno svizzero su cinque "curiosa" sui vicini

Per saperne di più su chi abita nei paraggi si usano Facebook, Instagram e Linkedin: interessano numero di figli, di animali, professione

BERNA – Molto spesso, si usa il verbo “stalkerare”, sapendo di utilizzarlo non nella sua accezione corretta. Lo stalking è infatti un reato penale e qualcosa di orrendo, mentre sovente si pensa semplicemente a “spiare, farsi i fatti degli altri”.

D’altra parte, i social sembrano nati per quello, e al giorno d’oggi i corteggiamenti nascono spesso dai like strategici e dall’osservazione di commenti e ‘mi piace’ per risalire ai rapporti e alle abitudini della persona che interessa.

Non dovrebbe dunque stupire che lo stesso avviene con i vicini di casa! La maggioranza degli svizzeri vuol sapere di più su chi abita nella stessa palazzina oppure di fronte: stato civile, professione, numero di figli o di animali.

Se l’85% degli intervistati per un sondaggio di homegate.ch conosce i nomi dei vicini, molti di essi vorrebbero saperne di più. Uno su cinque ha usato i social per il suo scopo.

In particolare, si digita su Facebook, oppure su Instagram o Linkedin.

I rapporti di buon vicinato sono ovviamente importanti, per il quieto vivere e per chi ha figli che potrebbero giocare coi figli dei vicini. 

Ma probabilmente questa tendenza mette ancora una volta in luce la difficoltà a concretizzare le relazioni al giorno d’oggi: una volta, si dice, quando arrivava un nuovo inquilino, lo si accoglieva con un cesto di cibo o un caffè di saluto, due chiacchiere. 

Ora spesso non ci si incrocia mai ma si vuol sapere di più sull’altro. Come a dire, osservo ma non faccio un passo. Una triste realtà.

TOP NEWS Mixer
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile