liberatv
Secondo Me
08.10.19 - 11:110

Ferrara mette il carico su Gobbi: "Dimentica che il patto Lega-UDC serviva a salvare la sua poltrona"

La deputata e candidata PLR al Nazionale replica all'appello del ministro leghista: "Forse ha già dimenticato la lunga telenovela a cui abbiamo dovuto assistere lo scorso anno..."

*Di Natalia Ferrara

Curiosamente firmandosi come “membro di Lega e UDC”, ieri, dalle colonne del Corriere del Ticino, Norman Gobbi ha detto la sua circa la congiunzione delle liste tra PLR e PPD alle imminenti elezioni federali, che qualifica come un mero espediente destinato a “salvare gli attuali mandati” e privo di chiarezza politica. Ritiene di tutt’altra caratura, va da sé, l’alleanza Lega-UDC, fondata invece, a suo dire, su una “medesima prospettiva”. Quale? Naturalmente la difesa della sovranità nazionale dalla, testuale “strisciante adesione promossa da PLR e PPD”, riferita beninteso alla UE.

Analoga fermezza, a dire di Gobbi, mostreranno i deputati Lega e UDC in tema di casse malati, a differenza, una volta
di più di PLR e PPD. Coerenza? Unità? È serio il membro di due partiti che additata di scarsa chiarezza le altrui scelte politiche? Forse il Consigliere di Stato ha già dimenticato la lunga telenovela a cui abbiamo dovuto assistere lo scorso anno, fra “colonnelli” che volevano una lista unica per le elezioni cantonali (per salvare i due seggi leghisti) e coloro i quali di questo matrimonio d’interesse con l’UDC non ne volevano proprio sapere. A mettere ordine fra i litiganti son dovuti arrivare due “balivi” (prendendo in prestito il linguaggio domenicale): l’araldo zurighese Christoph Blocher e il vallesano Oskar Freysinger. I ticinesi da soli non erano capaci? Mah.

E così nacque la lista unica Lega-UDC per il Consiglio di Stato. La “medesima prospettiva” di cui parla Gobbi era molto chiara: la sua poltrona in Governo. Chissà che cosa ne pensano i leghisti della prima ora, che hanno sì festeggiato i due Consiglieri di Stato ma al contempo ad aprile hanno perso quattro deputati in Parlamento… In ogni caso, fra PLR e PPD nessuna velleità matrimoniale, il discorso è stato molto chiaro. Si tratta di una congiunzione tecnica, voluta per salvaguardare un certo modo di far politica concreto e costruttivo per il futuro del Ticino e della Svizzera. Per evitare di lasciare il Paese nelle mani dei cantastorie di destra e di sinistra. Costruire e non demolire.

E a proposito di costruire, di collaborare con buon senso e competenza, faccio solo un riferimento, tra i molti possibili, e proprio dalla storia della bella Valle Leventina. Il primo traforo del Gottardo (1872-1882) fu opera voluta e finanziata da Svizzera, Germania e Italia. Pasquale Lucchini (ingegnere ticinese), Carlo Cattaneo (politico italiano) e Alfred Escher (politico e banchiere zurighese) ebbero un ruolo sinergico e centrale. Fu così che per finire nacque la linea ferroviaria Zurigo-Milano, una trasversale europea diremmo oggi, che cambiò durevolmente il volto del nostro Cantone. Questo è solo un esempio tra i tanti, per invitare chi ama la patria ad essere consapevole della sua storia reale e delle lezioni che ci regala. Ci vogliono non solo cantastorie di alte montagne anche pragmatici costruttori di valichi.

*Deputata e candidata PLR al Nazionale

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile