liberatv
Politica e Potere
06.10.20 - 18:120

Il Consiglio della Magistratura sbatte la porta in faccia anche alla Commissione giustizia e diritti: no all'accesso agli atti sui procuratori bocciati

La Commissione presieduta da Luca Pagani ora potrebbe attivare l'alta vigilanza. La motivazione addotta dal CdM è che verrebbe meno la separazione dei poteri

BELLINZONA – Continuano i colpi di scena legati alla Magistratura ticinese e in particolar modo al rinnovo delle cariche. Come ormai noto, cinque procuratori pubblici in carica hanno ricevuto preannuncio negativo da parte del Consiglio della Magistratura.

Avevano richiesto i documenti per poter capire che cosa venisse loro contestato, ricevendo un secco no. E ora il Consiglio della Magistratura dice no anche al Gran Consiglio.

Il Parlamento sarà l’organo deputato all’elezione dei procuratori. Al fine di poter capire i motivi delle bocciature, la commissione Giustizia e diritti aveva a sua volta chiesto gli incartamenti.

Secondo il Consiglio della Magistratura, dare ai componenti della commissione l’accesso agli atti vorrebbe dire, come riporta La Regione, venir meno alla separazione dei poteri.

La Commissione stessa, presieduta da Luca Pagani, potrebbe attivare l’alta vigilanza sulla vicenda.

Potrebbe interessarti anche
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2021 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile