liberatv
Politica e Potere
12.06.19 - 09:080

Processo alla sinistra. "Siamo passati da Pasolini ad Asia Argento: una perversione inaccettabile. E sono sempre stati i ricchi a volere le frontiere aperte"

Il giornalista della Repubblica Federico Rampini fa il pelo e il contro pelo alla sua parte politica: "L'idea di aiutare i migranti, accogliendoli, è una follia che non è mai stata un'idea di sinistra"

ROMA - S’intitola “La notte della sinistra - Da dove ripartire”. L’autore è Federico Rampini, storico corrispondente dall'estero - Cina e Stati Uniti in particolare - del quotidiano La Repubblica. Il saggio sta creando parecchio dibattito per le tesi affilate con le quali il noto giornalista “processa” la sua parte politica in questo delicato periodo storico.

Inevitabilmente, Rampini, è stato messo a sua volta sul banco degli imputati: lo accusano di essere diventato di destra. “Ho avuto scontri aperti con alcuni colleghi e amici”, ha spiegato in una lunga intervista concessa al quotidiano La Verità. Ma rispedisce con forza l’accusa di aver cambiato casacca: “Rivendico l' appartenenza alla sinistra classica. Il fatto è che quando il popolo vota a destra, gli opinionisti di sinistra dicono che sta impazzendo, che si lascia incantare, che sta diventando fascista. Questo mi ricorda una battuta di un comunista doc come Bertolt Brecht: "Se il popolo non mi sostiene, cambiamo il popolo” “.

Ma vediamo alcune tesi del Rampini-pensiero. Una delle principali è dedicata al tema dell’immigrazione: “La missione della sinistra è diventata quella di proteggere gli ultimi, cioè quelli che tentano di attraversare il Mediterraneo. Così facendo, abbiamo voltato le spalle ai "penultimi", agli italiani, quelli che abitano nelle periferie. Attirano meno solidarietà, e anzi ci sembrano un po' volgari, un po' cafoni, non particolarmente simpatici. È una forma di snobismo”.

“Nella storia - spiega ancora il giornalista - sono sempre stati gli industriali, i ricchi, a volere frontiere aperte. Sia per gli scambi commerciali, sia per la manodopera a basso costo. Negli anni Cinquanta la sinistra meridionalista capì che l' emigrazione verso il Nord Italia era anche un impoverimento del Sud. Oggi invece abbiamo quest' idea di aiutarli, accogliendoli. È una follia: non è mai stata un' idea di sinistra”.

Un’altra tesi portante del saggio del corrispondente riguarda il rapporto della sinistra con l’economia: “Non mi convince la sinistra che fa da cassa di risonanza delle agenzie di rating e delle banche d' affari. Fino a qualche anno fa eravamo molto critici nei confronti dell' establishment. Ho seguito per otto anni Barack Obama: lui criticava severamente la logica dell' austerity e di questo ordoliberismo germanico che condanna l' Europa alla depressione”.

Rampini, nell’intervista concessa alla Verità, passa poi al rapporto tra l’Italia e l’Unione Europea, riservando bordate ad alcuni leader politici. Il presidente francese  Emmanuel Macron viene definito “un sovranista puro. Un tipico nazionalista francese. Il suo europeismo è un' impostura: lo si vede da come tratta l' Italia sull' immigrazione, a Ventimiglia, a Bardonecchia”. Mentre Junker viene etichettato come “una delle più grandi vergogne d' Europa. Abbiamo consentito di far nascere paradisi fiscali come il Lussemburgo nel cuore del continente. È paradossale che l' Europa se lo sia scelto come capo della Commissione europea”.

Infine, il giornalista parla dello spauracchio di un ritorno al fascismo, spesso evocato dai progressisti occidentali: “È il vezzo di una sinistra intellettualmente pigra, che non educa i giovani a studiare bene la storia. Non avendo idee forti da proporre, ci si rifugia in automatico nella vecchia retorica”.

Il problema, insomma, è un altro: “Una volta la sinistra si affidava a Umberto Eco e Pier Paolo Pasolini: oggi l' eroina della sinistra è Asia Argento. È una perversione che non posso accettare".

Potrebbe interessarti anche
Tags
sinistra
giornalista
idea
ricchi
argento
pasolini
rampini
asia argento
perversione
sempre stati
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved