liberatv
Cronaca
01.12.22 - 09:390

Caos Juve, le intercettazioni sull'inchiesta: "Come calciopoli, anzi peggio..."

Il dirigente Stefano Bertola intercettato durante una cena: "Io una situazione così brutta non me la ricordo. Ma ce la siamo creata noi"

TORINO – La Juventus vive ore di apprensione e preoccupazione dopo le dimissioni dell'intero CdA in seguito alle indagini della Procura di Torino in merito alle plusvalenze. Bilanci truccati ad arte e accordi segreti con i calciatori per non gravare sul bilancio dei conti bianconeri. Tutti sapevano tutto. Dai massimi dirigenti ai manager che "contano meno". 

"Come calciopoli..."

I dirigenti della Juventus sono stati intercettati. Durante una cena del 23 luglio 2021 – dieci giorni dopo la verifica della Consob –, il dirigente Stefano Bertola afferma: "Io una situazione così brutta non me la ricordo. Faccio solo un nome: calciopoli, anzi peggio. Perché ce la siamo creata noi".

Per la procura la mente è il direttore sportivo Fabio Paratici. Al telefono il suo braccio destro, Federico Cherubini, si confida: "Con Fabio non si poteva ragionare - si sente in un'intercettazione - Finché c'è stato Marotta gli metteva un freno. Quando è andato via ha avuto carta libera". E ancora Cherubini a Bertola: "Fabio si poteva svegliare la mattina e firmare 20 milioni senza che nessuno gli dicesse niente. Io gliel'ho detto più volte: qui stiamo esagerando. Cioè è una modalità lecita ma hai spinto troppo. E lui rispondeva: a noi non importa. O fai 4 o fai 10, nessuno ti può dire nulla".

 

 

 
 

 

 

 

Tags
calciopoli
anzi peggio
ce
juve
bertola
stefano
così brutta
stefano bertola
dirigente stefano
situazione così brutta
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2023 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile