liberatv
Cronaca
13.09.21 - 16:540

Il nonno di Eitan denunciato per sequestro di persona. "Va restituito all'Italia"

Come ha fatto il piccolo a lasciare l'Italia? Non poteva espatriare, se non con autorizzazione (che non c'è) della tutrice legale

LUGANO – Il piccolo Eitan Birain, unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone dovrà essere restituito all’Italia. Il nonno materno – ex soldato – è indagato per sequestro di persona. Portarlo in Israele con un volo da Lugano, “ha violato la Convenzione dell’Aia sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori”, affermano i legali del piccolo.

A presentare la denuncia contro il nonno del bambino è stata la sorella, residente in Italia, del defunto padre del bambino. È lei che figura come tutore legale di Eitan. Il nonno Shmuel Peleg ha speso novemila euro per trasportare con un charter privato il piccolo da Lugano a Tel Aviv lo scorso 11 settembre. Il jet bimotore – riporta il Corriere della Sera – sarebbe atterrato in Ticino alle 11:40 di sabato. Alle 15:00, il Cessna ha lasciato la pista dello scalo di Lugano per arrivare a Tel Aviv alle 19:25 locali.

 Il Tribunale di Pavia aveva nei mesi scorsi stabilito che il piccolo non poteva espatriare, fatta eccezione soltanto nel caso in cui “fosse accompagnato dalla tutrice legale” o con “autorizzazione della stessa”.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2021 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile