liberatv
Cronaca
11.09.21 - 11:440
Aggiornamento : 13.09.21 - 09:14

Il giornalista che intervistò Bin Laden: "Ecco perché Osama fece l'11 settembre"

Hamid Mir, che sarà a Lugano il 19 settembre, svela i retroscena e analizza le conseguenze di quei terribili attacchi fino ai giorni nostri: "Non permettiamo che le previsioni di Bin Laden si realizzino di nuovo"

LUGANO - “Vent’anni fa, sette settimane dopo l'11 settembre, sono stato l'ultimo giornalista ad intervistare Osama Bin Laden. Ci siamo incontrati in Afghanistan, nel mezzo della campagna di bombardamenti degli Stati Uniti. Bin Laden si vantava di aver teso una trappola che avrebbe finito per umiliare gli Stati Uniti in Afghanistan, proprio come era successo all'Unione Sovietica. Ha anche previsto colloqui tra Stati Uniti e talebani. Due decenni dopo Bin Laden è morto, ma quelle previsioni si sono avverate. E non sono state le uniche a realizzarsi”.

Comincia così un’articolo strepitoso scritto da Hamid Mir per il Wahsington Post. Il grande giornalista pakistano, in occasione del ventennale dell’11 settembre, svela i motivi che portarono il fondatore di Al Qaeda a sferrare il terribile attacco contro gli Stati Uniti e analizza le conseguenze che quella tragedia ha provocato, fino ai giorni nostri. Hamid Mir sarà a Lugano nell’ambito di Endorfine Festival il 19 settembre: per chi volesse cogliere la straordinaria opportunità  di ascoltarlo dal vivo si possono acquistare i biglietti cliccando qui.

“Gli americani - prosegue Mir nella sua analisi - possono trovare qualche piccola consolazione, forse, nel fatto che sono riusciti a vendicarsi dandogli la caccia e uccidendolo (Bin Laden, ndr.). Ma il quadro generale è meno rassicurante. Al-Qaeda rimane ancora in Afghanistan e le sue propaggini continuano a fare la guerra in altre parti del mondo. L'ascesa dello Stato Islamico ha dimostrato che idee ancora più estreme di quelle di Bin Laden continuano a trovare seguaci. Non sono sicuro che gli Stati Uniti e il resto dell'Occidente abbiano completamente assorbito questa lezione”.

Le conseguenze dell'11 settembre e la nascita dell'Isis

“Bin Laden - prosegue Hamid Mir sul WP - capì che il potere degli Stati Uniti avrebbe costretto i suoi nemici a fare causa comune. Capì che la forza dell'America era anche la sua debolezza. Dopo l'11 settembre, ho seguito le guerre dall'Iraq alla Siria e dal Libano alla Palestina. Bin Laden si era guadagnato il rispetto di molti musulmani, non grazie alla sua ideologia religiosa, ma grazie all'occupazione statunitense dell'Iraq e al sostegno di Washington ai governi fantoccio in tutto il mondo islamico. Ho intervistato il Segretario di Stato Colin Powell, Condoleezza Rice, Hillary Clinton, John F. Kerry e molti alti ufficiali militari degli Stati Uniti dopo l'11 settembre. Hanno fatto affermazioni radicali sui loro successi nella guerra contro il terrorismo, ma sembravano inconsapevoli che la guerra stesse effettivamente producendo più terrore. Lo Stato Islamico è solo un esempio del contraccolpo generato dall'invasione statunitense in Iraq”.

“Non c'è dubbio - argomenta ancora il giornalista - che gli Stati Uniti siano riusciti a dare la caccia e uccidere molti leader di al-Qaeda, talebani e dello Stato islamico con i droni dopo l'11 settembre. Eppure è anche vero che i danni collaterali di quegli attacchi hanno prodotto centinaia di nuovi attentatori suicidi. Questi attentatori suicidi sono diventati l'arma più efficace dei talebani contro le forze statunitensi e della NATO in Afghanistan. Ora gli stessi talebani stanno affrontando gli attentatori suicidi dello Stato islamico”.

“Il potere militare - scrive Hamid Mir - può risolvere alcuni problemi, ma spesso ne crea di più. Bin Laden voleva provocare negli Stati Uniti un uso massiccio della forza militare perché sapeva che questo avrebbe creato più problemi di quanti ne avesse risolti. Eppure la guerra non è l'unico modo per un paese di perseguire i propri interessi”.

"Quelli come Osama cercano stati falliti: non facciamo che l'Afghanistan torni ad esserlo"

Quindi catapultandosi sulla più stretta attualità, il grande giornalista si china sulla situazione in Afghanistan: “Washington non dovrebbe ripetere i suoi errori passati. Gli americani e i loro alleati abbandonarono l'Afghanistan dopo il ritiro delle truppe sovietiche nel 1989. Ciò fece precipitare l'Afghanistan nella guerra civile e i talebani furono il risultato finale di quella guerra. Ora il paese è sul punto di diventare di nuovo uno stato fallito. Gli Stati Uniti possono smentire Bin Laden costringendo i talebani ad attuare l'accordo di Doha negoziato dall'amministrazione Trump. Gli americani dovrebbero fare pressione sui talebani affinché mantengano le loro promesse che l'Afghanistan non sarà utilizzato come base per attacchi contro nessun altro paese. I funzionari dell'amministrazione Biden sono comprensibilmente scontenti del ritorno dei talebani, ma dovrebbero rendersi conto che hanno ancora una vera influenza. Gli Stati Uniti hanno congelato i beni dell'Afghanistan. I talebani hanno bisogno di soldi per governare lo stato. Gli Stati Uniti dovrebbero fare del loro meglio per usare questo per costringere i talebani a includere donne e altri gruppi politici nelle strutture di potere del paese. È innegabilmente vero che il ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan rafforzerà i militanti islamisti ovunque. Ma se i talebani non riescono a portare pace e sicurezza in Afghanistan, i risultati potrebbero essere anche peggiori. Gli stati falliti sono le basi più attraenti per persone come Osama Bin Laden. Si è trasferito da un Sudan debole a un Afghanistan fallito nel 1996, e poi ha proceduto a pianificare l'11 settembre.

“In un'intervista del 1998 - conclude Hamid Mir - mi disse che gli Stati Uniti avrebbero potuto ucciderlo ma che non lo avrebbero mai catturato vivo. Aveva ragione anche su questo. Non permettiamo che abbia ragione su qualsiasi altra cosa”.

Potrebbe interessarti anche
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2021 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile