liberatv
Cronaca
15.05.21 - 10:050

Un calcio in testa e uno allo stomaco, giovane 'calciatore' rischia fino a 40 giornate

Episodio di violenza su un campo ticinese. "La sanzione sarà lo specchio di quanto accaduto in campo"

BREGANZONA – È una scena surreale, quella accaduta una settimana fa su un campo da calcio ticinese. Era sabato 8 maggio e – riferisce il Corriere del Ticino – a Breganzona è andata in scena la sfida tra gli Allievi A locali e il Savosa-Massagno. Il match non è, purtroppo, finito agli onori della cronaca per il risultato o per aspetti positivi.

Niente affatto. Un giocatore della squadra ospite – spiega il quotidiano – ha aggredito un avversario con un calcio alla testa, uno allo stomaco e ha pure tentato di aggredire l'arbitro. La buona notizia è che il ragazzo vittima dell'aggressione non ha riportato serie conseguenze fisiche e tornerà in campo già dalla prossima settimana.

Il caso è sul tavolo della Sezione disciplinare della FTC. Stando a quanto anticipato dal Cdt, la sanzione potrebbe arrivare fino a 40 giornate di sospensione per il ragazzo. "La sanzione – dice il presidente della Sezione disciplinare – sarà lo specchio di quanto avvenuto in campo. Si tratta di un fatto gravissimo".

Duro, giustamente, anche il commento del responsabile tecnico della Federazione Ticinese Calcio Livio Bordoli: "Questo non è il nostro calcio. Non sono i nostri ragazzi. Un episodio del genere rischia di rovinare tutto quello che ruota attorno al movimento calcistico".

Potrebbe interessarti anche
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2021 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile