liberatv
TIPRESS
Cronaca
09.03.21 - 11:100

L'MPS sulla manifestazione non autorizzata: "Dalla polizia due pesi e due misure"

Il Movimento per il Socialismo: "Una provocazione bella e buona da parte della polizia. È forse questo che speravano?"

LUGANO – Il Movimento per il socialismo (MPS) "condanna con fermezza l’atteggiamento della polizia che ha impedito lo svolgimento della manifestazione indetta per lunedì sera con partenza alla stazione di Lugano” contro patriarcato, razzismo e islamofobia”. La ricorrenza dell’8 marzo era sicuramente propizia alla tenuta di una simile manifestazione che per orario, luogo e dimensioni non rappresentava certo né un pericolo, né un’infrazione alle direttive in materia di Covid. Val la pena notare che in molte occasioni, simili manifestazioni sono state tollerate".

Per l'MPS è "singolare che i media in questi ultimi giorni abbiano a più riprese diffuso e commentato con simpatia e comprensione le immagini della manifestazione non autorizzata di Coira che invocava la riapertura immediata di tutte le attività e che la stessa “comprensione” non venga mostrata nei confronti di una manifestazione (assai più limitata) a difesa di principi democratici fondamentali. E che dire poi della stessa polizia che, il giorno prima, ha permesso a un centinaio di tifosi dello Zurigo di sostare indisturbati sia di fronte all’albergo che ospitava la squadra, sia di fronte allo stadio di Cornaredo. Siamo evidentemente di fronte al più classico dei due pesi due misure".

E ancora: "Quanto successo lunedì sera alla stazione rappresenta quindi un atto di provocazione bella e buona da parte della polizia; presentarsi in forze con squadre in tenuta antisommossa per impedire una tutto sommato limitata manifestazione non può che provocare la reazione e lo scontro. È forse proprio quello in cui speravano la polizia e le autorità che l’ha inviata a vedere le reazioni e la campagna in atto contro il Molino, con i proclami e gli appelli per una “soluzione finale” nei confronti della decennale esperienza autogestita. L’MPS rivendica il diritto di manifestare, in particolare in concomitanza con momenti importanti e su questioni fondamentali come quelli al centro della giornata dell’8 Marzo, condanna l’atteggiamento provocatorio della polizia e di chi l’ha inviata".

Potrebbe interessarti anche
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile