liberatv
Cronaca
01.10.19 - 09:080
Aggiornamento : 02.10.19 - 08:43

'Striscia' racconta i ticinesi che fuggono in Italia: "Hanno pure il formaggio coi buchi. Non hanno più i soldi per comprarlo intero"

Il consigliere comunale di Lugano Giovanni Albertini: “Dal 2011 ad oggi sono più che raddoppiate le persone che hanno deciso di trasferirsi in Italia"

LUGANO - Non il Tapiro d’Oro a Paolo Maldini per il Milan da piangere. Anche il Tapiro ai ticinesi! “Striscia la Notizia” (guarda il video) ieri sera ha intervistato alcuni nostri compaesani che per riuscire a campare in modo dignitoso si sono trasferiti in Italia, perché da questa parte del confine tra tasse & balzelli, premi di cassa malati, mungiture varie, dumping salariale, lavori ballerini, radar, multe, rapine commerciali, e chi più ne ha più ne metta, non ce la fanno proprio più.

 

“Guardate, hanno pure il formaggio coi buchi. Non hanno i soldi per comprarlo intero”… Una battuta, quella della conduttrice di ‘Striscia’, Rajae Bezzaz, che purtroppo fotografa una realtà in crescita. Una realtà che dovrebbe preoccupare la politica, e le istituzioni in generale, ad ogni livello.

 

Il numero dei frontalieri all’incontrario, o dei migranti economici, che vanno a stare oltre confine aumenta a vista d’occhio: “È troppo caro tutto e la vita è diventata insopportabile”, hanno detto Lisa e Francesco, trasferitisi a Masciago Primo, in provincia di Varese, perché tartassati da affitto, cassa malati e spese varie.

Alessandra, trasferitasi a Bisuschio, sempre nel Varesotto, ha aggiunto: “L’Italia ci piace e ci conviene”.

 

‘Striscia’ ha intervistato anche il consigliere comunale del PPD di Lugano Giovanni Albertini. “Dal 2011 ad oggi sono più che raddoppiate le persone che hanno deciso di trasferirsi in Italia – ha detto  -. Delle 3.900 persone che hanno risposto al nostro sondaggio, il 3,5% ha già fatto il passo mentre il 4% lo sta per fare. Il 65% degli intervistati ha inoltre pensato all'Italia come possibilità, mentre il 71% non riesce col salario percepito a risparmiare alla fine del mese”.

 

È vero che in Ticino una cassiera guadagna circa 3.400 euro, ha sottolineato l’inviata, “ma poi si trova a pagare un caffé 4 euro, manco fossimo in Via della Spiga a Milano. Come fa a tirare avanti?”. E ha ragione!

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP News
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile