liberatv
Coronavirus
30.04.22 - 09:190

Licenziati perchè no vax: l'esercito ha avuto ragione

Il Tribunale Federale si è espresso sul caso di quattro militari, tutti appartenenti alle forze speciali. Essi dovevano essere pronti in qualsiasi momento a partire per l'estero e perciò erano tenuti a sottostare al (legittimo) obbligo vaccinale

BERNA - Secondo il Tribunale Federale, è stato corretto licenziare quattro membri delle forze speciali dell'esercito che avevano scelto di non vaccinarsi: l'obbligo vaccinale infatti poggiava su basi giuridiche solide. 

In particolare, facendo parte del Distaccamento speciale della polizia militare (DSPM) e del Distaccamento d'esplorazione dell'Esercito 10 (DEE 10), i militari dovevano essere pronti in qualsiasi momento a partire per missioni all'estero. Per adempiere a ciò, era indispensabile seguire le indicazioni del medico in capo dell'esercito. Inoltre è possibile, per il Consiglio Federale, obbligare in alcuni casi delle misure sanitarie ai soldati, in questo caso il vaccino.

Confermato, quindi, il licenziamento. 

I quattro, scegliendo di non vaccinarsi, non erano nelle condizioni mediche di poter adempiere ai loro obblighi professionali. Avevano addotto come motivazione il timore di effetti collaterali e l'assenza di una valida ragione medica per vaccinarsi, tesi smentite dalla sentenza del Tribunale Federale.

Il quale peraltro sottolinea come l'obbligo di vaccinazione, oltre che impedire la trasmissione, serviva a garantire l'operatività delle forze speciali in qualsiasi momento. Esse devono poter partire per l'estero quando serve e non ovunque potrebbero avere a disposizione cure adeguate. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
federale
esercito
ragione
tribunale federale
forze speciali
qualsiasi momento
forze
estero
tribunale
qualsiasi
ULTIME NOTIZIE Coronavirus
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile