liberatv
Coronavirus
07.12.20 - 20:450
Aggiornamento : 08.12.20 - 21:55

Covid19: scontro Nacaroglu-Gobbi sulle nuove misure

Dura polemica a distanza tra il presidente dei commercianti di Lugano e quello del Governo, sull'ultimo giro di vite per contrastare la pandemia

BELLINZONA - Il nuovo giro di vite per contrastare la pandemia da Covid19,  annunciato oggi dal Consiglio di Stato, non ha mancato di suscitare polemiche. La critica principale che viene rivolta al Governo è quella di aver adottato misure omeopatiche, insufficienti per imprimere una vera svolta sanitaria alla crisi. Ad essere contestate sono in particolare sono le riduzioni d’orario per bar (alle 19.00) e ristoranti (alle 22.00) che scatteranno a partire dal 9 dicembre.

L’Esecutivo, anche nel corso della conferenza stampa odierna, si è giustificato appellandosi ancora una volta alla proporzionalità e alla ferma intenzione di proteggere da una chiusura totale, fin quando sarà possibile, i vari settori dell’economia interessati dalle restrizioni.

Ma proprio dal mondo dell’economia, arriva una critica durissima ai ministri. A formularla il presidente della Società commercianti di Lugano  - nonché consigliere comunale PLR della Città - Rupen Nacaroglu. In un post  pubblicato su Facebook, pochi minuti dopo la fine della conferenza stampa del Governo, Nacaroglu, che è anche proprietario di un piccolo bar, ci è andato giù durissimo.    

“Ho assistito basito alla conferenza stampa del CdS - ha scritto - e a sto giro non ci sto. La mia fiducia nei confronti dell'autorità si è esaurita. Per esempio: ho letto e riletto l'articolo della risoluzione odierna e qualcuno mi deve spiegare cosa cambia tra un bar (in cui si ha da tempo l'obbligo di consumare seduti) e un ristorante. La formulazione del testo odierno relativo alla ristorazione è inaccettabile, sia per tempismo che contenuti, ma soprattutto per chi, in questi mesi, ha rispettato in maniera ferrea le norme”.

“Ma il mio discorso - ha aggiunto Nacaroglu - è generale: "graduale e proporzionale" è il motto alla base del continuo susseguirsi di misure che, da più di un mese, non ha risolto e non risolverà, ahimè, ancora nulla. Oramai è evidente, era necessario intervenire prima e sicuramente in maniera più drastica, anche solo per un breve periodo. La confusione che si è venuta a creare e l'incertezza che i vari operatori devono subire è devastante. Per fare impresa dobbiamo prevenire, programmare e fare investimenti per crescere ma anche, soprattutto in questo 2020, per superare le difficoltà. Non vedo perché le autorità non debbano fare lo stesso e assumersi le proprie responsabilità. Le disparità di trattamento, l'incertezza e la poca lungimiranza da parte delle istituzioni, mi dispiace doverlo dire, sono diventate insostenibili”.

Nel corso del Tg di TeleTicino, la critica di Nacaroglu è stata girata al presidente del Governo Norman Gobbi, il quale ha risposto per le rime: “Mi piacerebbe che ci fosse la stessa fermezza utilizzata nel post, nel richiamare i propri associati ai piani di protezione. Se il Consiglio di Stato deve adottare nuove misure, è proprio perché ci sono state delle disattenzioni. Basta entrare i alcune boutique per accorgersi ad esempio che non tutti portano correttamente la mascherina o che le superfici condivise dai clienti non vengono disinfettate. Il presidente dei commercianti vuole chiudere? Beh, lo proponga ufficialmente e poi lo valuteremo…”.   

Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE Coronavirus
News e approfondimenti Ticino
© 2021 , All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile